Lunedì , 22 Luglio 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Sport e Montagna > Ritratti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alberto Figliolia. Mario Bertini, umile e possente mediano
06 Novembre 2022
 

Mario Bertini, classe 1944, pratese. O l’umile mestiere del mediano, elevato tuttavia all’ennesima potenza. Un centrocampista dal fisico robusto, con un’indubbia predisposizione al sacrificio, corsa e abilità nel contrasto, ma anche qualità tecnica e nella costruzione e un gran tiro con cui sovente poteva risolvere situazioni intricate. Prato, Empoli, Fiorentina, Inter, Rimini, le squadre della sua carriera. Nel suo palmarès una Mitropa e una Coppa Italia con la maglia viola nel 1966 – risolta, quest’ultima, da un suo rigore alla fine dei tempi supplementari contro il sorprendente Catanzaro che militava nella serie cadetta – e un campionato italiano con l’Inter nel 1971 – fu lo scudetto del sorpasso ai danni dei cugini rossoneri dopo una trionfale cavalcata di Mazzola, Corso, Facchetti, Burgnich e compagnia calciante.

Bertini fu anche vicecampione del mondo a Messico e nuvole ’70, colonna di quella équipe azzurra che fece sognare con Italia-Germania 4-3 all’Azteca, anche se nulla poté, nella finale persa 4-1, contro il Brasile dei cinque numeri 10 in campo contemporaneamente.

È il periodo d’oro di Mario che con l’Inter l’anno dopo si sarebbe, per l’appunto, laureato campione d’Italia in conseguenza della grande rimonta ai danni del Milan, gli ultimi fuochi di quella che era stato il grande team degli anni Sessanta. Anche se in quest’ultimo il Bertini dai basettoni stile Sgt. Pepper’s non aveva mai giocato evoluendo in quegli anni in Toscana.

Mario da ragazzino giocava per strada – si poteva ancora fare – dove fu notato da un allenatore pratese. Pare che il ragazzo non avesse neppure un paio di scarpe da calcio; rimediò portando a un calzolaio un altro paio di vecchie scarpe in cui fece piantare sulla suola dei chiodi a mo’ di tacchetti. I piedi forse gli sanguinavano con quelle calzature di fortuna, ma il sacrificio sarebbe andato a buon fine... dalla strada alla serie C; da qui alla Fiorentina, con Uccellino Kurt Hamrin, lo svedese mediterraneo, Humberto Maschio, quello del trio de los ángeles con la cara sucia (gli altri due erano Sivori e Angelillo), e il carioca iridato 1962 Amarildo. Quindi l’inopinato trasferimento dai viola, perdendo così il treno del secondo scudetto in riva all’Arno (1969), all’Inter dove tuttavia ebbe modo anch’egli di attaccare il tricolore alla maglia.

Dalla strada a Pelé il passo, come visto, fu relativamente breve... all’ultimo atto del Mondiale 1970 Mario Bertini se la dovette vedere niente di meno che con Edson Arantes do Nascimento, O Rei, ispiratore di quel meraviglioso Brasile. Il compito dell’impossibile marcatura era suddiviso fra lui e Tarcisio Burgnich (e fu la Roccia del Friuli a patire il pazzesco colpo di testa dell’1-0 firmato dal genio verdeoro).

L’umile e possente mediano, appese le scarpette al chiodo, aveva accumulato un bottino di ben 44 reti in 307 gare nella massima divisione e 25 maglie e 2 gol in azzurro. Anche lui ha il suo spazio nella storia del calcio nazionale e non solo. Una cara figurina, e di più, poiché le figurine di quegli anni sapevano restituire il calciatore e, insieme, emanare una grande umanità.

 

Alberto Figliolia


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 69.5%
NO
 30.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy