Giovedì , 21 Settembre 2023
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Arte e dintorni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Jacqueline De Jong. The Ultimate Kiss 
A Bruxelles con Maria Paola Forlani
09 Agosto 2021
 

In linea con lo stile vulcanico dell’artista la retrospettiva che il centro d’arte contemporanea Wiels di Forest, nella regione di Bruxelles Capitale, dedica a Jacqueline De Jong (1939), che trascura l’ordine cronologico e privilegia rimandi e corrispondenze tra opere di diversi periodi. Protagonista del Situazionismo e impegnata nelle proteste del Maggio 1968, anche grafica ed editrice, l’artista olandese ha scelto la pittura come mezzo espressivo, offrendone una versione eccentrica che sfrutta al massimo le possibilità a livello di supporto, tecnica e stile.

La pittura di Jacqueline De Jong si può definire satirica. Nelle sue composizioni la deformazione è perturbante ma non esplicitamente tragica: insegue piuttosto la dimensione del grottesco per mettere in discussione le certezze relative all’arte e alla società. Anche nei cicli degli anni Sessanta sul tema della morte, l’azione raffigurata si svolgeva sul piano allegorico, in composizioni dinamiche e affollate che rivisitano la tradizione delle “danze macabre” con stile contemporaneo, affine alle ricerche del gruppo Cobra. Altri dipinti dello stesso periodo proposti al Wiels, come ad esempio Tourne-vicieux cosmonautique del 1966, adottavano invece un approccio pop, trattando argomenti dell’immaginario collettivo di allora come la conquista dello Spazio. The paini is beautiful del 1971, poi, dittico racchiuso in una cassa di legno che affianca figura e parola scritta, è un esempio del taglio sperimentale applicato al mezzo pittorico. Negli anni Ottanta la figura umana è protagonista, talvolta in forma dimensione onirico-psicanalitica, talvolta in forma semiastratta, in una dimensione onirico-psicanalitica che diventa ancor più accentuata nelle opere del nuovo millennio. Non mancano esempi del lavoro grafico da attivista realizzato durante la contestazione - già nel 1962 fondò la rivista The Situationist Times, durata fino a 1967.

 

M.P.F.


Foto allegate

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 70.8%
NO
 29.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy