Giovedì , 02 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
A scuola i proletari sono …di moda!!!
20 Gennaio 2007
 

  (da 'l Gazetin, gennaio 2007)

Buon anno genitori! anche se le notizie buone scarseggiano, questa che vi racconto almeno fa ridere ed è già molto. A quanto sembra, i proletari sono tornati di moda ed anzi, secondo alcuni, furono di moda fin dalla loro comparsa agli inizi dell’800.

La curiosa notizia viene dal libro di storia1 di mia figlia, il quale dedica una trentina di pagine alla prima rivoluzione industriale. L’inizio trionfale celebra le magnifiche sorti e progressive dell’ingegno, della tecnica e del fiuto per i buoni affari che a partire dalla seconda metà del ‘700 fecero dell’Inghilterra la prima potenza tecnologica ed economica del mondo. Dopo poche pagine l’autore si pone opportunamente una domanda: da dove provenivano i finanziamenti per i nuovi immensi investimenti?

La risposta è duplice, anzi assente: le banche e i privati risultano essere i finanziatori della prima rivoluzione industriale. Buuh! La domanda riguardava la provenienza del denaro, non i possessori. Forse all’autore non è parso carino affermare che il commercio degli schiavi e l’economia di rapina colonialista, che duravano ormai da due secoli, avevano fornito immense fortune a chi gestiva questi traffici. E forse è sembrato poco educativo sottolineare che le proprietà terriere furono accentrate in poche mani dai grandi proprietari, i quali trasformarono migliaia di contadini autosufficienti in migliaia di senzacasa-senzalavoro-senzacibo-senzauncazzo-disposti a tutto per non morire. Disposti a tutto vuol dire che molti si affollarono intorno alle nascenti industrie e alle miniere e andarono a costituire la classe operaia, mentre altri preferirono la delinquenza e il suicidio alcolico.

Comunque un riferimento, assai curioso invero, a questi poveracci lo troviamo poco più avanti nel testo con queste sconcertanti parole: «All’entusiasmo degli imprenditori, dei tecnici e degli scienziati si contrapponeva lo squallore della vita degli operai. O, per usare una definizione diventata allora di moda, dei proletari: cioè di coloro che vendevano, in cambio di uno stipendio, il loro lavoro».

Sì, chiamarli operai divenne una moda, cioè se ne parlava in questi termini al tè con la contessa o al club tra gentlemen.

Cessato il primo accesso di riso, ho fatto mente locale, cercando di recuperare un po’ di storia liceale in fondo alla memoria: ah, ecco, il termine proletariato fu introdotto da Marx e Engels intorno agli anni 40 dell’800, eh già, non fu forse di moda fra le classi agiate, ma i primi movimenti di lotta dei lavoratori erano intrisi di questa parola e di altri concetti non di moda ma assai concreti, quali alienazione e sfruttamento.

Che tristezza, che rabbia, il riso si è gelato in gola.

Questo è il libro di Storia? no, è un libro di favole insulse.

Ok, ho esagerato, mi si perdoni l’enfasi; ma definire il proletariato una moda è un atto di negazionismo bello e buono, anzi brutto e cattivo. E non vorremmo negazionismi nei libri della scuola dell’obbligo.

È umano tuttavia, e contemporaneamente diabolico, che i libri di testo seguano l’onda nel momento in cui vengono scritti e proposti. Ricordo ancora il mitico Camera-Fabietti e il più colto Villari che negli anni 70 dissertavano ampiamente di classe operaia, questione meridionale e via sinistreggiando. Personalmente, li ho amati.

Oggi la storia si riscrive come un libro di Oliver Sacks, il neurologo che scrive storie e romanzi tratti da casi clinici, dove i personaggi perdono l’uso di certe parole e non riconoscono più una metà del proprio corpo. Siamo in piena patologia, ed il libro di storia fa esso stesso storia, lasciando ai posteri un’idea corretta sulle aberrazioni del XXI secolo.

 

Giancarlo Sensalari, p. Ass. Scuola e Diritti

 

 

1 Gianni Gentile, Luigi Ronga, Speciale Storia, Editrice La Scuola.


 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy