Sabato , 21 Settembre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
RiaceInFestival 2016. Pronti al Via! A-Accoglienza... 
Dal 24 al 31 luglio 2016 a Riace e dintorni... (RC)
20 Luglio 2016
 

Il “Riace In Festival” è stato fondato nel 2009 dalla rete dei comuni solidali, Recosol, dall’Associazione Città Futura cuore dei progetti di accoglienza. In collaborazione con la Rete del caffè Sospeso e altre associazioni locali.

La VI Edizione del Riaceinfestival si svolgerà dal 24 al 31 luglio, prevalentemente nel cuore di Riace, quel borgo divenuto famoso nel mondo per le buone pratiche di accoglienza dei migranti realizzate sul territorio. Il paese il cui sindaco, Domenico Lucano, è stato inserito tra i 50 leader più influenti al mondo dalla rivista Fortune.

Sarà uno degli incontri centrali, la riflessione sull’importanza di una giusta comunicazione, a partire dall’esperienza del piccolo borgo di Riace balzato agli onori della cronaca per le sue pratiche di accoglienza verso i richiedenti asilo. Un paese che quotidianamente subisce la presenza di giornalisti, fotoreporter, documentaristi ecc. ecc. Sarà possibile confrontarsi con il giornalista Gad Lerner che in autunno tornerà alla televisione pubblica con una nuova serie di inchiesta per Rai 3.

Durante il festival verrà installata la mostra “Lampedusa porta della vita” a cura della rete delle Città Vicine. Opere realizzate da artiste e artisti di varie città italiane con tecniche artistiche originali, ispirate alle migrazioni, all’accoglienza e all’integrazione nelle nostre isole e terre del sud delle e dei migranti.

Il programma include oltre al concorso di cortometraggi, una serie di iniziative e proiezioni a tema che racconteranno la realtà locale, fra presente e passato, la capacità di un borgo come Riace di “mettere in pratica”.

Una manifestazione le cui attività tese a valorizzare il valore dell’interculturalità si incrociano con quelle relative all’importanza di far rivivere un borgo diventato in breve tempo multietnico.

Numerosi gli ospiti che animeranno le serate del festival, dal mediatore culturale Mohamed Ba, che ha collaborato con numerose associazioni impegnandosi nella diffusione, anche nelle scuole, dei valori dell’intercultura. Mohamed ha pubblicato libri ed è coautore di alcuni documentari. Il menzionato giornalista Gad Lerner, lo scrittore Gioacchino Criaco, autore di Anime Nere, e l’attore Peppino Mazzotta, interprete dello stesso film e conosciuto dal grande pubblico come il Fazio nella serie Montalbano.

Inoltre saranno presenti alcuni esponenti dell’associazione Peppino Impastato, presidente Carlo Bommarito: Riace da sempre ha un rapporto particolare nei confronti di Cinisi e la sua storia. Un murales riferito alla Radio Aut di Peppino Impastato accoglie i turisti al centro del paese, sul muro del municipio. Anche la moneta locale è stata dedicata ad alcuni personaggi fra questi lo stesso Peppino Impastato, Gianluca Congiusta e altri...

A parlare di acqua bene comune saranno alcuni rappresentanti di associazioni come Nuccio Barillà, presidente di Legambiente, Gennaro Montuoro per il coordinamento acqua pubblica dedicato a Bruno Arcuri (il sindaco di Carlopoli prematuramente scomparso), e Aurelio Circosta, geologo che insieme al sindaco Lucano ha seguito direttamente i lavori che hanno consentito di scoprire una nuova falda che darà acqua a Riace, consentendo l’autonomia del paese dalla Sorical.

Il festival avrà modo di spaziare sulla storia della Locride, e in generale del Sud. Dal film Anime Nere (regia di Francesco Munzi) tratto dal libro di Giaocchino Criaco, film vincitore del Davide di Donatello 2015, presente lo scrittore e l’attore Peppino Mazzotta, che sarà presente anche a Gioiosa Ionica per la proiezione del film Gramsci 44 di Emiliano Barbucci.

Ancora sulla storia della Locride la proiezione del documentario Cessare, per la regia di Rina Amato, una carrellata di testimonianze degli anni Settanta.

Saranno due magistrati, Olga Tarsia ed Emilio Sirianni, a tracciare insieme ad un ex amministratore, Ilario Ammendolia, e allo stesso Domenico Lucano, le coordinate per interpretare una storia complessa.

Riace tuttavia si impone e viene riproposta ancora con un film produzione italo-francese, Un paese in Calabria, di Shu Aiello e Catherina Catella. E Magna Grecia Europa Impari di Anita Lamanna ed Erwan Kerzanet: un ritratto polifonico della Locride e della Calabria, seguendo le orme di Elio Vittorini e il suo romanzo Conversazione in Sicilia. Infine con la proiezione del film Sud è niente di Fabio Mollo: si potrà esaminare un contesto che coinvolge un adolescente alle prese con l’aspetto malavitoso a Reggio Calabria.

L’emigrazione verrà trattato con due film: il primo, Fuocoammare, di Francesco Rosi, vincitore del festival di Berlino 2016 e Mediterranea di Jonas Carpignano, una storia fra Rosarno e il Burkina Faso. Per entrare nel cuore del problema dei migranti la parola ad un rappresentante della Tavola Valdese che da qualche tempo è impegnata con la Comunità di Sant’Egidio a sostenere i Corridoi Umanitari, dimostrando che esiste un'altra possibilità di evitare le morti in mare aprendo un canale umanitario in collaborazione fra Cooperazione internazionale e Ministero Affari Esteri. Ne parlerà Luciano Griso.

La premiazione dei corti in concorso e con la consegna del premio dedicato a Gialuca Congiusta – domenica 31 luglio – prima della Festa finale con il gruppo i Lisarusa, suoni e rimi della Calabria.

 

»» Vai al Programma completo di “Riace In Festival” 2016

 

La Direzione Artistica del festival è collettiva, nello specifico curata da Vincenzo Caricari, documentarista, Chiara Sasso (Rete dei Comuni solidali), Giovanni Maiolo, operatore e giornalista di Ciavula

 

 

Il “RiaceInFestival” è organizzato da: Comune di Riace, Rete dei Comuni Solidali, Associazione Città futura Don Giuseppe Puglisi, Associazione per Gli Studi Giuridici sull’Immigrazione, Rete del Caffè Sospeso, Festival Cinema dei Diritti Umani di Napoli

in collaborazione con: Asimmetrici Videoproduzioni di Locri, Rete Antirazzista di Catania, Associazione Gianluca Congiusta di Siderno, Cooperativa Sankarà.

La Rete del Caffè Sospeso, associazione di festival e associazioni culturali in mutuo soccorso, è stata costituita da: Rete dei Comuni Solidali, dall’ASGI, Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione e da questi 7 festival: Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli, Valsusa Filmfest della Valle di Susa (TO), Lampedusainfestival di Lampedusa (AG), Festival S\paesati di Trieste, Filmfestival sul Paesaggio di Polizzi Generosa (PA), Marina Cafè Noir - festival di letterature applicate di Cagliari e Riaceinfestival di Riace (RC).


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy