Mercoledì , 22 Maggio 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Keffiyeh. Intelligenze per la pace 
Domani a Milano la presentazione dell'antologia curata da Gianmario Lucini e Mario Gigli
09 Dicembre 2014
   

Una morte improvvisa, inaspettata. Un fulmine a ciel sereno quello che ha annunciato la morte di Gianmario Lucini, editore sempre lungimirante, raffinato e impegnato dal punto di vista civile. Nel suo lavoro di ricerca, che indossasse le vesti di autore, intellettuale o editore, aveva battuto, come un esploratore appassionato e attento, numerosi sentieri e vie, ma mai aveva rinunciato a discutere dei grandi temi sociali, che poi s'intrecciano strettamente con quelli esistenziali che travagliano l'umanità: pace, ecologia, disarmo, giustizia, attenzione agli ultimi e ai deboli.

Aveva appena finito di editare l'ultima antologia, Keffiyeh. Intelligenze per la pace (CFR, 2014, 200 pagine, euro 15), curata da lui personalmente insieme con Mario Gigli, quando ci ha raggiunto la notizia della sua precoce e subitanea scomparsa. Una gran tristezza. Il mondo editoriale perde una delle sue migliori persone.

Keffiyeh, con i suoi scritti e le sue poesie dissidenti, è un vero gioiello. «Di umano, in questo contesto, resta soltanto la sofferenza delle vittime e il lutto per le perdite, il dolore per gli affetti spezzati, per l'esistenza sconvolta e la frantumazione di ogni certezza. Assente la pietas, o almeno l'empatia, la capacità di sentire il dolore del nemico, che troviamo ad esempio ne I persiani di Eschilo», queste le parole di Gianmario nella introduzione al volume, «... a pagare sono quasi sempre i poveri, gli innocenti e, fra loro, i più indifesi: i bambini, le donne, i vecchi […] l'Africa sembra piuttosto un magazzino di materie prime da rapinare e non un continente di popoli. Da qui l'esodo dei profughi che solleva tante polemiche e ci trova doppiamente incapaci e colpevoli di migliaia di morti in mare e nei deserti (forse la maggior ecatombe del nostro tempo): fuggono le guerre provocate dalle nostre rapine e noi imperterriti a non capire». Innumerevoli gli stimoli fornitici dalla disamina, completa, di Gianmario e dalla sua consueta brillante onestà intellettuale. Viviamo in un mondo sconcertante, di falsa democrazia – questo è il vero. «Tutti dichiarano di volere la pace e intanto l'industria bellica prospera più di ogni altra industria […] Se dunque nessuno vuole la guerra, che ce ne facciamo dell'esercito? Che ce ne facciamo delle fabbriche di armi? […] Ecco le ragioni della rabbia e del dolore, che ispirano questo libro. Che però non rinuncia alla speranza della pace. Sappiamo, questa speranza è chiamata “utopia”. E tale sia, ma nel senso di “luogo che sta altrove” e quindi esiste e lo si può raggiungere: basta attrezzarsi e volerlo. Agli artisti e ai poeti spetta prefigurarla».

 

Mercoledì 10 dicembre, alle ore 18 (ingresso libero), in via Laghetto 2, Milano, l'Associazione Culturale Milanocosa, CFR Edizioni e Associazione Poiéin presenteranno l'antologia con i suoi 132 autori di ogni nazionalità (oltre agli italiani, USA, Belgio, Svizzera, Francia, Israele, Palestina, Egitto, India, Giordania, Malta). I testi sono in lingua e traduzione, un affascinante mosaico. «Il libro vuole essere la ricerca di un lessico comune, un orizzonte culturale di pace che vada oltre le ideologie e si imperni sul dialogo fra i popoli e la giustizia fra le nazioni».

Info: tel. 02 76394142/347 7104584

www.chiamamilano.it e www.milanocosa.it

negozio@chiamamilano.it

 

Chiudiamo quest'articolo con la citazione di una poesia fra le tante (tutte magnifiche e nel segno della solidarietà). Versi forti ed emblematici...

 

 

Epifania del kamikaze

 

(in tanta oscurità ci tocca scendere)

 

e sparai allora anch'io, e fallii, al giovane bendato.

Lui mi lanciò le sue ferite contro

mi lanciò la divisa del suo corpo,

che inferno intorno, tutti in quella buca

radiosa – tutti a urlare, anch'io

premetti per esplodere, scoppiare

trovarmi in un altro posto

sul ventre ancora caldo come un albero

sollevato alle radici, fra calcinacci e abbracci

(si spezzò il filo, si aprì l'abisso)

anch'io dico fluttuai a mezz'aria

nella brezza del viale illuminato

e all'angolo della bocca un grumo lento

un morso di cervello colava in volto

(forse il mio) sotto marmitte elisie

e nuvole lampeggianti, sull'asfalto,

in una broda di sangue e sanguinacci,

ovunque l'aria posasse come aureola

sopra ogni anima appassita;

per caso, sul menu à la carte.

 

(Salvatore Ritrovato)

 

Alberto Figliolia


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.3%
NO
 26.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy