Domenica , 27 Settembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. Una promessa del cinema italiano. Stefano Simone
Stefano Simone
Stefano Simone 
24 Giugno 2008
 

Stefano Simone vive a Torino ma è un giovane regista pugliese nativo di Manfredonia, città dove ambienta le sue storie. Per il momento la sua attività si limita alla realizzazione di corti di genere horror, noir e fantastico, che scrive, sceneggia e monta. Simone ha ottenuto buoni risultati con Infatuazione, corto selezionato tra i migliori 140 cortometraggi fra gli oltre 800 proiettati al Festival del Corto di Roma 2006, mentre L’uomo vestito di nero e Lo storpio sono stati selezionati fra i migliori cortometraggi tra gli oltre 1000 proiettati al festival del Corto di Roma 2007.

Ho avuto modo di vedere alcuni lavori del giovane regista.

Infatuazione (2006) è il migliore in assoluto. Ottima l’ambientazione provinciale, all’interno di un istituto scolastico, durante una partita a tennis. Un ragazzino seduto in tribuna si innamora in modo adolescenziale di una donna che sta mangiando un gelato. Lo stile è tipico del cinema erotico italiano, con accenni di commedia sexy, soprattutto nel gioco di sguardi tra i protagonisti. La pellicola è breve, quasi completamente muta, basata su inquadrature sapienti e un’ottima colonna sonora. Simone fa attenzione ai particolari, utilizza con perizia la macchina da presa, inserisce dissolvenze e primi piani. L’attrice protagonista ricorda una giovane Edwige Fenech. Il ragazzino potrebbe essere il Pea o il Cenci di turno, innamorato che va in bianco davanti alla donna matura che lo irretisce. Segnalo una bella fotografia di Manfredonia, alcune ottime panoramiche e uno scambio di battute finali tra i due attori che porta la delusione sul volto del ragazzo. La carta di un gelato finisce nel cesto dei rifiuti e con essa i sogni erotici di un adolescente.

L’uomo dal vestito nero (2007) è un horror dalla buona colonna sonora, ben girato e discretamente montato dal regista, ma soffre di una recitazione dilettantistica appesantita dalle inflessioni dialettali dei giovani attori. L’idea alla base del corto è interessante, un uomo nero che appare e incita un ragazzo frustrato all’omicidio, alla ribellione contro gli amici che lo sfruttano. La sceneggiatura potrebbe essere migliorata, anche perché il regista decide di non far vedere gli omicidi. Per un horror si tratta di un bel limite. Buona la fotografia e interessante l’uso delle dissolvenze. Da dimenticare la risata da fumetto del cattivo nel finale di pellicola.

Il gatto nero dalle grinfie di Satana (2005) è una storia di serial killer che segnalo per un buon uso dello zoom, dei primi piani e per una bella fotografia. Si tratta di un lavoro teatrale che avrebbe necessitato di attori più preparati per renderlo credibile, anche perché sono eccessivi tanti discorsi filosofici sull’amore. Simone si ispira a Dario Argento quando tratteggia la figura del serial killer dalle mani coperte con un guanto nero. La cura formale con cui il regista realizza la pellicola fa perdonare alcuni eccessi didascalici e troppi dialoghi impostati.

Lo storpio (2007) è un buon lavoro che si avvale di un discreto commento musicale, di un montaggio efficace e di un buon uso della macchina da presa. Gli attori sono ancora una volta scarsi e questo significa che il giovane regista deve crescere come direttore di interpreti, ma anche che il materiale disponibile non è eccelso. Si apprezzano molte panoramiche, gli esterni al campo di calcio, le dissolvenze e diverse parti di pura azione. Il soggetto non è molto elaborato, ma si segue con piacere, anche perché il montaggio realizza una buona suspense. La pellicola cambia colore durante le scene di azione, ci sono molti flash sulle auto e sui volti, tutto è piuttosto rapido. Una lezione di cinema noir alla Fernando Dio Leo, fatte le debite proporzioni.

Contratto per vendetta (2008) è un altro noir di provincia alla Di Leo, ma presenta suggestioni dei vecchi film con Charles Bronson sui giustizieri che difendono la città dal crimine. Notiamo paesaggi urbani squallidi, ottimi effetti splatter, credibili sparatorie che lasciano buchi nella gola e negli occhi. Il corto è molto elaborato, si ispira a un racconto di Lawrence Block e racconta le vicende di un giustiziere che deve ripulire la città dai boss. La musica di Niko Rubini è in buona sintonia con l’atmosfera della pellicola. Il film è doppiato in studio e ancora una volta troviamo l’escamotage del cambio di colore per le scene più cruente, accompagnate da musica ritmica. Interessanti i particolari della città, del treno incorsa, dei volti in primo piano. Non regge la parte psicologica della storia, mentre le sequenze di azione sono ben fatte. Il finale a sorpresa rende interessante un film che risente dei soliti problemi recitativi.

Istinto omicida (2006) è ancora un noir che si avvale dell’ottima musica di Niko Rubini, ma ancora una volta gli attori sono scarsi. Il killer è ben rappresentato dai soliti guanti neri e da un coltellaccio alla Dario Argento, ma vediamo anche i folli disegni tracciati da una mente psicopatica. La fotografia è scura, il regista insiste molto sui particolari e dimostra bravura in tutte le scene d’azione. La parte dialogata è pesante e lenta, dovrebbe essere più serrata, rapida ed essenziale. Non è un difetto da poco veder raccontare gli avvenimenti senza far uso di immagini. Il protagonista della pellicola è il fantomatico killer di Manfredonia, uno squartatore-strangolatore rappresentato in maniera sufficientemente approfondita. Si tratta del lavoro più lungo e complesso di Simone, ma non regge la lunga durata, si perde nei dialoghi e in una trama farraginosa. Buona la soggettiva del killer, ottime le scene d’azione e certi effetti speciali (la bava alla bocca), ma anche il mix musica-immagini nelle scene d’azione.

Stefano Simone è un giovane regista che può soltanto crescere.

Non resta che attendere.

 

Gordiano Lupi


Foto allegate

Articoli correlati

  Piombino. Cattive storie di provincia
  Stefano Simone alla Festa delle Arti di Piombino
  Gordiano Lupi. Sophia (2012) di Stefano Simone
  Gordiano Lupi. Una vita nel mistero
  Gordiano Lupi. “Una rosa blu” (2018) di Stefano Simone
  Un Cappuccetto rosso sangue. Un film che ricorda Joe D’Amato
  Gordiano Lupi. Kenneth (2008). Un corto thriller di Stefano Simone
  Gordiano Lupi. Weekend tra amici (2013) di Stefano Simone
  Gordiano Lupi. Il mio amico Peppe Zullo (2016) di Stefano Simone
  Anna Castigliego. Una favola horror per Stefano Simone
  Il cielo sopra Piombino
  Gordiano Lupi. Stefano Simone e “Il passaggio segreto” per Amazon Prime
  Stefano Simone: il regista che gioca a scacchi con il cinema
  Piombino. Novembre piovono libri
  Unfacebook (2011) di Stefano Simone
  Gordiano Lupi. Gli scacchi della vita (2014) di Stefano Simone
  LE DIVE NUDE
  29 Settembre. Lupi al Siena Film Festival con Edwige Fenech
  La patata bollente. Una commedia intelligente sul tema omosessuale
  Che bello Bombolo raccontato da Ezio Cardarelli!
  Desideri e voglie pazze di tre insaziabili ragazze - di Josef Zachar (1967)
  Edwige Fenech e il cinema di genere italiano
  Cine 70: una rivista per fare un tuffo nel passato
  Annamaria Rizzoli
  Commedia sexy all'italiana. Novità in libreria
  Gloria Guida, il sogno biondo della mia generazione
  La commedia sexy all'italiana. Gordiano Lupi su “Letteratitudine” di Massimo Maugeri
  Gordiano Lupi. La bella Antonia prima monica e poi dimonia (1972) di Mariano Laurenti
  Cine 70 e dintorni
  Ciack si trema
  Gordiano Lupi. La terza madre (2007) di Dario Argento
  Dario Argento. Inferno e le Tre Madri
  Francesca Lenzi. Dario Argento: Tenebre
  Gordiano Lupi. I libri di cinema editi da Mediane
  Francesca Lenzi. INFERNO
  Dario Argento e L’uccello dalle piume di cristallo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy