Domenica , 29 Marzo 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
PD: Il Governo salva la provincia di Sondrio 
Riconosciuta la specificità del nostro territorio nel decreto-legge di riordino delle province approvato oggi dal Consiglio dei Ministri
Giacomo Ciapponi
Giacomo Ciapponi 
31 Ottobre 2012
 

La notizia che aspettavamo da Roma è giunta: la provincia di Sondrio non è stata accorpata. Il Governo ha condiviso le ragioni e le motivazioni che il territorio aveva saputo rappresentare in questi mesi.

Da questo punto di partenza occorre proseguire sulla strada delle riforme.

Deliberata la riforma che ha ridotto il numero delle province italiane, auspichiamo ora che si riapra il tema della provincia come ente ad elezione diretta dei cittadini e non come ente di secondo livello, con nomina da parte dei consigli comunali. L'elezione diretta da parte dei cittadini appare l'unico strumento in grado di garantire gli irrinunciabili requisiti di governabilità, efficienza e trasparenza all'amministrazione di area vasta. La democrazia non può essere barattata con un risparmio di qualche centinaia di Euro occorrente all'indizione delle elezioni. Come recita la nostra carta costituzionale, il popolo è sovrano ed è giusto che possa scegliere chi lo rappresenta nelle istituzioni.

Ora i leghisti dovranno riconoscere che questo Governo, da loro fortemente osteggiato, ha evitato di sopprimere la Provincia di Sondrio, quello che Berlusconi e Calderoli avevano intenzione di fare un anno fa e che forti malumori aveva creato nella Lega anche durante i lavori del Consiglio provinciale.

Ottenuto il mantenimento della Provincia, il territorio deve aprire immediatamente quella riflessione, da noi auspicata e richiesta da molti mesi, che veda al centro il riassetto istituzionale di Valle unito al superamento dell'attuale assetto delle comunità montane, dell'abolizione del Bim, con la riduzione del numero dei comuni. Sarebbe un peccato (ed un errore politico) se il territorio - dopo aver dimostrato di essere unito nel chiedere ad altri un atto responsabile - considerasse questo risultato un punto di arrivo e non riuscisse a completare, calandolo nella nostra specificità, l'oramai ineludibile processo di semplificazione e riorganizzazione istituzionale.

Aspettiamo che il Presidente Sertori mantenga fede alla delibera di Consiglio che lo impegna a convocare un tavolo per discutere della questione e ad elaborare una proposta di riforma condivisa dell'odierno modello di governo del territorio.

 

Giacomo Ciapponi

Segretario provinciale Partito Democratico

 

 

» Cartina delle nuove Province
come disegnate col decreto-legge approvato oggi


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy