Giovedì , 23 Gennaio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alessandra Borsetti Venier. Lettera di Elvira Dones a Berlusconi
05 Marzo 2010
 

Dalla scrittrice albanese Elvira Dones riceviamo questa lettera aperta al premier Silvio Berlusconi in merito alla battuta del Cavaliere sulle “belle ragazze albanesi”.

Durante l'incontro con Berisha del mese scorso, il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ironizza così durante la conferenza stampa seguita al termine della firma di una partnership strategica con l'Albania. Il primo ministro, Sali Berisha, aveva appena promesso che fino a quando durerà il governo Berlusconi, l'esecutivo albanese cercherà di limitare il più possibile gli sbarchi proseguendo sulla strada della moratoria sugli scafisti: “Non voglio che gli albanesi muoiano, non voglio che i criminali arrivino in Italia”, ha detto Berisha. Il Presidente del Consiglio ha attaccato gli scafisti e ha chiesto più vigilanza all'Albania. Poi ha aggiunto: “Faremo eccezioni solo per chi porta belle ragazze”. (Alessandra Borsetti Venier)

 

www.youtube.com/watch?v=kMHJBDIRNMU

 

 

Egregio Signor Presidente del Consiglio,

le scrivo su un giornale che lei non legge, eppure qualche parola gliela devo, perché venerdì il suo disinvolto senso dello humor ha toccato persone a me molto care: “le belle ragazze albanesi”. Mentre il premier del mio paese d'origine, Sali Berisha, confermava l'impegno del suo esecutivo nella lotta agli scafisti, lei ha puntualizzato che “per chi porta belle ragazze possiamo fare un'eccezione”.

Io quelle “belle ragazze” le ho incontrate, ne ho incontrate a decine, di notte e di giorno, di nascosto dai loro magnaccia, le ho seguite da Garbagnate Milanese fino in Sicilia. Mi hanno raccontato sprazzi delle loro vite violate, strozzate, devastate.

A “Stella” i suoi padroni avevano inciso sullo stomaco una parola: puttana. Era una bella ragazza con un difetto: rapita in Albania e trasportata in Italia, si rifiutava di andare sul marciapiede. Dopo un mese di stupri collettivi ad opera di magnaccia albanesi e soci italiani, le toccò piegarsi. Conobbe i marciapiedi del Piemonte, del Lazio, della Liguria, e chissà quanti altri. È solo allora - tre anni più tardi - che le incisero la sua professione sulla pancia: così, per gioco o per sfizio. Ai tempi era una bella ragazza, sì. Oggi è solo un rifiuto della società, non si innamorerà mai più, non diventerà mai madre e nonna. Quel puttana sulla pancia le ha cancellato ogni barlume di speranza e di fiducia nell'uomo, il massacro dei clienti e dei protettori le ha distrutto l'utero.

Sulle “belle ragazze” scrissi un romanzo, pubblicato in Italia con il titolo Sole bruciato. Anni più tardi girai un documentario per la tivù svizzera: andai in cerca di un'altra bella ragazza, si chiamava Brunilda, suo padre mi aveva pregato in lacrime di indagare su di lei. Era un padre come tanti altri padri albanesi ai quali erano scomparse le figlie, rapite, mutilate, appese a testa in giù in macellerie dismesse se osavano ribellarsi. Era un padre come lei, Presidente, solo meno fortunato. E ancora oggi il padre di Brunilda non accetta che sua figlia sia morta per sempre, affogata in mare o giustiziata in qualche angolo di periferia. Lui continua a sperare, sogna il miracolo. È una storia lunga, Presidente... Ma se sapessi di poter contare sulla sua attenzione, le invierei una copia del mio libro, o le spedirei il documentario, o farei volentieri due chiacchiere con lei. Ma l'avviso, signor Presidente: alle battute rispondo, non le ingoio.
In nome di ogni Stella, Bianca, Brunilda e delle loro famiglie queste poche righe gliele dovevo. In questi vent'anni di difficile transizione l'Albania s'è inflitta molte sofferenze e molte ferite con le sue stesse mani, ma nel popolo albanese cresce anche la voglia di poter finalmente camminare a spalle dritte e testa alta. L'Albania non ha più pazienza né comprensione per le umiliazioni gratuite. Credo che se lei la smettesse di considerare i drammi umani come materiale per battutacce da bar a tarda ora, non avrebbe che da guadagnarci.  

Elvira Dones

(15 febbraio 2010)

 

 

Elvira Dones, scrittrice-giornalista. Nata a Durazzo nel 1960, si è laureata in Lettere albanesi e inglesi all’Università di Tirana. Emigrata dal suo Paese prima della caduta del Muro di Berlino, dal 1988 al 2004 ha vissuto e lavorato in Svizzera. Attualmente risiede negli Stati Uniti, dove alla narrativa alterna il lavoro di giornalista e sceneggiatrice.


Articoli correlati

  Paolo Diodati. Violenze sulla donna o violenze e basta?
  21 marzo, “staffetta poetica” per la Giornata mondiale della poesia Unesco
  Dee e Piratesse. Mostra di Serena Arcieri e Franca Vannoni a Sesto Fiorentino
  La Bambola birmana. Scandicci, Teatro Studio, l'8 marzo 2010
  Caso Ruby. Uovo di Colombo: Perché non abbassare la maggiore età?
  Gigi Fioravanti / Marco Lombardi. Una ballata e una nenia per questi nostri tristi giorni
  Luigi Fioravanti. Il vero scandalo
  Valter Vecellio. “Il baratto” di Michele De Lucia
  Un appello dei “ragazzi di don Milani”
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 7
  Rosario Amico Roxas. Due discorsi per due uomini
  Renato Pierri. Una cosa mi consola
  Rosario Amico Roxas. La vittoria di Pirro
  Gigi Fioravanti. Appello elettorale
  Claudia Osmetti. Processo Mediaset: Non si vive di solo (anti)berlusconismo
  History of Italy (opinione inglese)
  Renato Pierri. Il senso del ridicolo
  Rosario Amico Roxas. Avvertimento al PD
  Rosario Amico Roxas. “Er più” vincente perché sconfitto
  Gino Songini. Una gita con Berlusconi
  Valter Vecellio. Berlusconi al “Foglio”. C’è qualcosa di più grave del “reato di cena privata”...
  Paolo Diodati. La solitudine del numero uno
  Veronica Tussi. Un sogno 'originato' da recenti scandalose vicende
  Gino Songini. Mentre i cardinali tacciono
  Valter Vecellio. Pensieri “spettinati”. Tra indecenza e volgarità
  Elsa Morante. Come ogni mimo, si immagina sempre di essere il personaggio che vuole rappresentare
  Primo Mastrantoni. Tasse e Berlusconi al Parlamento
  “Noi Siamo Chiesa” sul profondo malessere determinato dal nuovo scandalo
  Martina Simonini. Tre o quattro pillole per il 2013
  Martina Simonini. È tempo che ciascuno ci metta del suo
  Valter Vecellio. Berlusconi, il paese di “merda” e tutti gli altri...
  Lidia Menapace. Mai sopravvalutare Berlusconi...
  Veronica Tussi. Le amare considerazioni di Alessio
  Maria G. Di Rienzo. Nel nome del “papi”
  Gino Songini. Ma diamogli un calcio nel sedere (metaforico, s'intende)
  Rosario Amico Roxas. Il cavaliere e “La Perdonanza”
  “Papi” sul Gazetin di giugno
  Renato Pierri. Rassegnazione nel Dna
  Rosario Amico Roxas. Nel pieno della simonia
  Primo Mastrantoni. Berlusconi e la “non sfiducia”
  Valter Vecellio. La situazione: calma. È caos
  Lidia Menapace. Quel benefattore di Berlusconi
  Garrincha. Berluscó
  Valter Vecellio. Berlusconi in pensione? Chissà. Forse
  Nicola Vacca. Il basso impero del berlusconismo
  Enrico Peyretti. Lo statista senza immaginazione. Berlusconi su Obama
  Gianni Somigli. La international pole position di sua poca altezza e quasi santità (santo subito!) con raccolta di firme incorporata
  Valter Vecellio. La risorsa maggiore di Berlusconi è un PD senza proposte e iniziativa politica
  Lidia Menapace. Berlusconi (e Formigoni)
  Rosario Amico Roxas. Le forze del male e il cavaliere
  Marco Cipollini: E diamoglielo il Nobel per la pace a Berlusconi!
  Giannelli. Settennato
  Enrico Peyretti. Va cacciato
  Rosario Amico Roxas. Ma non è un purosangue, è solo un brocco in disarmo
  Maria G. Di Rienzo: C'è riscatto nella voce
  Maolori
  Claudio Forleo. Le dame e il Cavaliere
  Gianni Somigli. Contrordine casuale prefestivo
  Marco Lombardi. La maschera di cera
  Annapaola Laldi. Il dito di Bossi, le corna e le carinerie di Berlusconi e il 5 in condotta
  Valter Vecellio. Più che le parole di Berlusconi, quello che “pesa” è il silenzio di tanti alleati
  Carlo Forin. Il porcile
  Rosario Amico Roxas. Quanto costa il Nobel per la Pace?
  Proprio l’8 Marzo?
  Paolo Farinella. Senza la profezia, rimane la complicità
  Maria G. Di Rienzo. Differenze
  Rosario Amico Roxas. La vera crisi
  Valter Vecellio. Può essere che Berlusconi invecchi male… ma forse c’è un metodo nella sua “follia”
  Jardim. Il gondoliere ('El Nuevo Herald', Miami 04/02/2011)
  Marco Pannella. La mia lettera a Beppe Grillo
  Marco Lombardi. L'Italia è gossip
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy