Lunedì , 08 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maria Lanciotti. The Juniper Passion, un progetto obbligato 
Prima Mondiale venerdì 21 giugno alle ore 21 al Teatro Romano di Cassino
18 Giugno 2013
 

C’è qualcosa di nuovo oggi nel sole,/ anzi d’antico. Succede. Quando c’è troppo da dire la parola s’inceppa. E si ritrovano versi dimenticati. Per dire la meraviglia, la libertà, l’ineffabile. La statura immensa del ‘bambino’ capace di sovrastare l’universo. ‘Universo chiuso ed aperto’ come il Maestro Emiliano De Mutiis ama definire l’opera musicale. E spiega perché: «Chiuso, perché tenuto insieme dalle relazioni tra le varie parti e il tutto che ne delineano la specificità distinguendolo da tutti gli altri. Aperto, perché dotato di confini permeabili, da cui far entrare i riflessi della storia e delle altre culture». E qui mi aggancio a quel ‘qualcosa di nuovo’ difficile da esprimere e da definire. La sensazione di trovarsi di fronte ad un fatto nuovo che però ha una storia antica. Il senso dello stupore per come l’aspirazione umana tesa al divino – inteso come tensione al superamento e gesto creativo – trovi sempre il modo di emergere e riemergere dalla mole d’impedimenti che costantemente tentano di soffocarla. La percezione di un continuo sbocciare d’idee che cercano terreno abbarbicandosi anche addosso ai sassi se altro non trovano. Mentre attorno tutto sembra congiurare per una sconfitta a priori di ogni anelito che non sia legato alla pura sopravvivenza. «Nella nostra elefantiaca e frivola cultura contemporanea, che tutto comprende e relaziona» dice ancora il Maestro De Mutiis, «questa doppia natura rende molto problematica la creazione musicale. Per un compositore del passato – un passato precedente la rivoluzione tecnologica di cui è stato testimone il XX secolo – la sfida estetica era quella di mostrare originalità e maestria rispetto alle regole del suo tempo e alla piccola porzione di mondo in cui si muoveva. Un compositore di oggi deve invece necessariamente scrivere rispetto ad un corpus di musica di dimensioni mai esperite prima, facilmente e gratuitamente accessibile nei pochi secondi necessari al movimento di un mouse». E proseguendo nella sua analisi di ‘universi chiusi ed aperti’ e di azzardati parametri temporali, arriva ad esprimere un concetto di una valenza smisurata: ‘Comprendere senza prendere’. Lo spunto per arrivare al dunque.

 

The Juniper Passion. Opera drammatica in tre atti del compositore Michael F. Williams su libretto di John G. Davies, entrambi neozelandesi. Una storia che si snoda tra i cimiteri di guerra della Nuova Zelanda e di Monte Cassino fra il 1944 e il 1960, e che trova il suo epilogo nel drammatico confronto tra i protagonisti/ antagonisti di un momento storico fra i più dolorosi della seconda guerra mondiale. La guerra il mostro insaziabile, l’Arte che ripristina spazi vitali. ‘Comprendere senza prendere’ è forse il solo modo di poter accedere a questa grandiosa proposta, una torsione incredibile rispetto all’andazzo comune, uno sforzo gigantesco per un passo oltre il guado, per ritrovare terra ferma e pensiero volitivo.

Una coproduzione (totalmente autofinanziata) Nuova Zelanda-Italia per un’opera lirica originale con uno straordinario cast internazionale, che per forza di cose lascerà il segno, un inoppugnabile segnale di ripresa.

 

Venerdì 21 giugno alle ore 21:00
» Prima Mondiale al teatro Romano di Cassino

Martedì 25 giugno alle ore 18:30
» Aula Magna, ‘Sapienza’ Università di Roma

Mercoledì 26 giugno alle ore 21:00
» Museo delle Navi Romane, Nemi

 

Maria Lanciotti

 

Info: 333 8691282
mail:
info@colleionci.eu
www.thejuniperpassion.it


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy