Giovedì , 21 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò cubano
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Quattro altre traduzioni per accompagnare l'esilio del poeta cubano 
Per conoscere Rafael Bordao. 3
Rafael Bordao dirige, a New York,
Rafael Bordao dirige, a New York, 'Sinalefa' Rivista internazionale di arte e letteratura 
02 Novembre 2011
 

Los ahogados del Golfo

 

Nunca atracaron al puerto

se quedaron en la retentiva de las aguas

arrítmicos, enfáticos y deshechos

soñando con el muelle, la libertad y el bote

mientras caían con los bronquios inflados

en el festín de los peces;

nunca atracaron al puerto

se hundieron lentamente en lo más sordo

desamparados en un silencio inmundo

con los ojos ensangrentados de recuerdos

sintiendo la doble digestión

de la esperanza y el naufragio.

 

 

Gli affogati del Golfo

 

Mai attraccarono al porto

restarono nella memoria delle acque

privi di ritmo, enfatici ed esausti

sognando il molo, la libertà e la scialuppa

mentre cadevano con i bronchi gonfi

nel festino dei pesci;

mai attraccarono al porto

affondarono lentamente senza far rumore

abbandonati in un silenzio impuro

con gli occhi insanguinati di ricordi

provando la doppia digestione

della speranza e del naufragio.

 

 

 

Instantes de la lentitud

 

Para Odón Betanzos Palacios

 

Partir

dejar atrás lo que fuimos un día

una costumbre más entre la muchedumbre

que no cesa de robarse la fortuna

un ardiente pedazo de fisonomía

que fluía inflamado hacia las flores

donde me hundía furiosamente

buscando la incandescencia de la luz

emboscado por clandestinos ciempiés

que obcecados en su callada marcha

dejaban sus diminutos misterios

sus mudas y simultáneas misas

en el monasterio de mi corazón.

 

 

Momenti di lentezza

 

Per Odón Betanzos Palacios

 

Partire

lasciarsi indietro quel che siamo stati un giorno

un’abitudine in più tra la moltitudine

che non smette di rubarsi la sorte

un ardente frammento di fisionomia

che scorre eccitato verso i fiori

dove mi gettavo furiosamente

cercando l’incandescenza della luce

imboscato da clandestini millepiedi

che ossessionati nella loro silenziosa marcia

lasciavano i loro piccoli misteri

le loro mute e simultanee messe

nel monastero del mio cuore.

 

 

 

Instrucciones para un joven poeta

 

Da miedo ser poeta; da miedo ser un hombre consciente

del lamento que exhala cuanto existe.

Gabriel Celaya

 

Lo primero que debe hacer

un auténtico poeta

es lavarse bien la boca

(auto recetarse gárgaras)

y ponerse los zapatos

más estables y oscuros;

luego

echar a andar por el planeta

tomando el pulso de cada cosa,

escudriñando toda respiración,

auscultando el sonido de las emociones

y llevar siempre consigo una lupa

como el más eficaz amuleto

contra espíritus sospechosos;

después

cantar, sí cantar (y no muy alto)

no sea que se ofenda algún pájaro

soñoliento en una rama

y comience a graznar sobre tu cabeza.

 

 

Istruzioni per un giovane poeta

 

Spaventa essere poeta; spaventa essere un uomo cosciente

del lamento che emette solo per il fatto di esistere.

Gabriel Celaya

 

La prima cosa che deve fare

un autentico poeta

è lavarsi bene la bocca

(autoprescriversi gargarismi)

e calzare le scarpe

più durature e oscure;

quindi

deve mettersi a camminare per il pianeta

tastando il polso di tutte le cose,

esaminando ogni respiro,

ascoltando il suono delle emozioni

e deve portare sempre con sè una lente

come il più efficace amuleto

contro gli spiriti sospettosi;

dopo

deve cantare, sì cantare (a voce non troppo alta)

non accada che si offenda qualche uccello

sonnolento in un ramo

e cominci a gracchiare sulla sua testa.

 

 

 

Postrimería de la eternidad

 

Cuando el cielo se incendia

con la sangre del sol moribundo.

José Ortega y Gasset

 

Irremediablemente todos los días

la Tierra abre su boca

de manera solemne y silenciosa

para tragarse al sol

que avanza como un reo

inevitable y mustio

hacia la combustión de unos labios

[y echa en saco roto su adiós en el abismo]

para dejarnos la ceniza incorpórea

su hojarasca y sus huesos

su primigenia habla

apenas el espectro abra la bóveda

y brote encima del nimbo

su cárdena postilla.

 

 

Ultimi istanti di eternità

 

Quando il cielo s’infiamma

con il sangue del sole moribondo

José Ortega y Gasset

 

Irrimediabilmente ogni giorno

la Terra apre la sua bocca

in maniera solenne e silenziosa

per divorare il sole

che avanza come un reo

rassegnato e malinconico

verso la combustione delle labbra

[e mette in un sacco rotto i suoi addii nell’abisso]

per lasciarci la cenere incorporea

i suoi resti inutili e le sue ossa

il suo primitivo linguaggio

appena lo spettro scopre il firmamento

quando spunta sopra una nube

la sua crosta marrone.

 

 

Poesie di Rafael Bordao

Traduzione di Gordiano Lupi

(Ser cultos para ser libres , estate 2011)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy