Mercoledì , 25 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò mediorientale
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Asmae Dachan. Il Daesh torna a colpire in Siria. Scontro con le forze curde
24 Gennaio 2022
 

È di oltre settanta morti il bilancio delle vittime dell’assolto da parte dei terroristi del Daesh alla prigione di Ghwayran, a nord della città di Hasakeh, da tre anni sotto il controllo curdo.

Almeno 28 membri delle forze di sicurezza curde, cinque civili e 45 membri dell’IS sono stati uccisi”, ha affermato Rami Abdel Rahman, capo dell’Osservatorio siriano per i diritti umani.

Con questa nuova operazione il gruppo del cosiddetto IS torna con tutta la sua forza brutale dopo la significativa sconfitta subita tre anni fa, a seguito dell’offensiva internazionale a guida statunitense, con il coinvolgimento in prima linea delle milizie curdo-siriane del Syrian Democratic Forces – Sdf – che hanno liberato le città della Siria e dell’Iraq di cui era stato preso il controllo. Da quel momento la comunità internazionale ha affidato il controllo delle prigioni e dei campi di detenzione dove sono rinchiusi i terroristi del Daesh – 12mila uomini appartenenti a 50 diverse nazionalità – e i loro familiari alle forze curde, che più volte hanno però denunciato di non poter gestire da sole tutte quelle realtà.

Nella prigione di Ghwayran erano detenuti oltre 3.500 miliziani. Cresce la preoccupazione degli abitanti di Hasakeh e delle zone limitrofe per le nuove minSacce inflitte dal Daesh e sulle possibili conseguenze che questa offensiva potrà avere. L’analista Nicholas Heras del Newlines Institute di Washington ha affermato che il gruppo armato ha preso di mira la prigione per accrescere il numero degli uomini tra le sue fila. Sale la preoccupazione nella regione e non solo per quello che potrebbe rivelarsi il ritorno di un incubo che ha contribuito a infliggere sofferenze atroci alla popolazione locale, già stremata da anni di guerra.

Ma che cosa vuol dire quando il Daesh attacca una prigione in Siria? Una risposta tenta di darla in questo articolo il giornalista Daniele Raineri (Il Foglio, 22/01/2022).

 

Asmae Dachan

(da Diario di Siria, 22 gennaio 2022)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy