Lunedì , 29 Novembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Ordine di farfalla
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin. Solo il mio vissuto
11 Novembre 2021
 

Solo il mio vissuto può dar aiuto a qualcuno. Questa idea mi rode molto. Se così è allora la memoria conta qualcosa: ho l’obbligo di narrare.

La vita è bella. Dico questo a settanta-tre anni, cinque mesi e nove giorni.

Il carico d’età alleggerisce ogni mio pensiero: il peso conta qualcosa. Io non posso star solo, in silenzio, col mio vissuto, e star bene, sereno. Questo non va, non ha senso. Se narro, allora scarico in qualcun altro la vita passata. Lui l’osserverà e farà confronti con la sua.

È proprio una vita bella, tutta pulita, senza problemi la mia? Io non penso che ce ne sia una così tra le sette miliardi e novecento milioni circa che respirano. L’esistenzialismo ha molte facce, compresa l’illusione. Ma questa sfuma presto in cozzo coi fatti.

Più vita più fatti. Da trenta anni vivo e rifletto col vissuto. Questo accade dal coma occorsomi nei dieci giorni: quattro aprile - quattordici aprile 1991. Seguì un anno di ricostruzione della memoria per una seconda vita. 

Adesso, posso consapere bene la seconda, che sto vivendo, confusa la prima, pre-istorica. In quella vivevo, senza riflettere continuamente sul filo di vita. Sregolato. Il coma mi ha fatto pensare, di continuo, sulla memoria.  

La memoria è il filo del me. Mi invita a pensare perché son nato, a far che cosa. Le risposte a tutte le domande fanno me pesante e leggero: carico di senso e libero di vivere. Io non sono un filosofo. Dunque, non ho un sistema di vita esemplare da proporre. Sono un sociologo, innamorato delle parole che descrivono i fatti. Perciò la lingua è diventata la mia specialità. So che fu stata dingua in latino. Come scriveva il retore Victorinus, descritto da sant’Agostino nel capitolo VIII de Le confessioni nella sua visita a Simpliciano.

Din-gua compone in zumero dingir –ir + gu-a.  

Questa è un’operazione archetipica, la novità che mi fa scrivere.  

 

Carlo Forin


 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy