Sabato , 18 Settembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Marisa Cecchetti. “In trasloco” di Luigi Crivellaro
14 Settembre 2021
 

Un titolo, In trasloco, che è un rimando chiaro al messaggio, quello della silloge di Luigi Crivellaro, che racchiude varie sezioni, non esclusi testi inglesi e traduzione di poeti.

È una poesia che si nutre di contrasti, fondamentale quello tra la realtà oggettiva e il desiderio, la fantasia, il ricordo, e la nostalgia che ne consegue: “La fantasia allora smania/ palpita trema e scalcia/ ma presto esala uno o due/ estremi respiri eversivi/ e si mette poi composta”.

È sempre in procinto di svegliarsi infatti la sua “faccia lunare”, quella vera, che “dorme inquieta”. Faticoso è accettare “aspri di solari/ ustioni e macchie di senescenza” per chi è “fatto invano di venti rari”.

La consapevolezza dell’età e dell’arco che si accorcia davanti a sé comunica una sensazione di transitorietà e di precarietà, con un bisogno di tenersi strette ancora le cose belle.

Ma la percezione del vuoto che si allarga intorno, del silenzio delle stanze vuote -“Questa casa s’è fatta grande/ da tempo mi ci perdo e tutta/ mi rotea intorno”-, il proiettarsi verso l’immagine delle finestre che un giorno si vedranno chiuse, lasciano il lettore a meditare sulla rapidità del viaggio terreno, che ci sfugge di mano. È doloroso, riflette Crivellaro, dover rimpiangere solo troppo tardi il non fatto, il non detto, il non vero: questo pensiero, lui dice, è un “macigno che ora mi affonda”, con la sensazione di aver sprecato il tempo: “il tempo non usato è come un frutto/ lasciato d’estate sul graticcio/ a marcire”.

Con l’entusiasmo del vivere che emerge da questi versi, l’idea del limite alla vita è percepita quasi come una sottrazione di possibilità, uno sgarbo, pur con la consolazione di una dimensione nuova: “Se accade che un giorno/ a voi non ritorno/ non è una scomparsa/ no, è solo una corsa/ dove s’acqueta il vento/ e più lieve è il cimento”.

Della vita si canta la forza della passione, del richiamo dei sensi, con la presenza di un tu femminile che porta fiamma e calore anche attraverso una conversazione: “Non mere parole ci scambiavamo/ ma carezze d’anima e immateriali/ abbracci, e come bombe silenziate/ impattavano contro i nostri sensi/ inquieti”.

Il passato si intreccia al presente con immagini di vita a contatto con la natura, di corse in bicicletta -“Quando erano tramonti/ freddi e smaglianti/ pedalava sugli argini/ agile controluce/ sullo schermo violetto/ dell’orizzonte”-, di cori giovanili che si innalzano dalla Basilica del Santo, di vecchi mulini al lavoro, di sacchi di grano macinato.

Ma si alternano a immagini del presente, con la consapevolezza di una tecnologia che ci aiuta ma che in realtà ci lascia fisicamente soli: “Ora che il giorno s’è capovolto/ e sente di cadere a capofitto/ nelle tasche rovesciate/ non si trova che un involto/ informe e di poco pese/ ah! che brutto affare,/ nient’altro che il vuoto/ astuccio del cellulare”. Intanto i giovani del coro sono invecchiati ma alle loro voci se ne uniscono altre più chiare, in questa ruotare delle nostre esistenze.

I versi di Crivellaro non contengono un doloroso ripiegamento su di sé bensì una oggettiva e dignitosa consapevolezza della ineluttabilità del “trasloco”, perché questa è la legge della vita, fin dal primo giorno in cui vediamo la luce. Ciò non esclude un sentimento umano di paura: “dentro sento un nodo/ pesante e davanti a me/ un buio allarmante”.

Non ci sono state concesse certezze, infatti “universale e generale domina/ una fallace relatività/ che riduce a maceria ogni certezza/ elude il tempo e illude la vecchiezza”.

Mentre la corrente “tutti ci trascina/ indifferente” questi versi trasmettono una fondamentale nostalgia, quasi una ingordigia di vita.

 

Marisa Cecchetti

 

 

Luigi Crivellaro, In trasloco

Biblioteca dei Leoni, 2021, pp. 88, € 10,00


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy