Lunedì , 19 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
“Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna” (Oscar Wilde) 
di Giovanni Maria di Lieto
03 Aprile 2021
 

Auguri di Buona Pasqua

Ai medici, al personale sanitario, ai volontari delle associazioni, alle Forze dell’Ordine, a tutti coloro che per compiti istituzionali pongono il loro impegno al servizio del bene comune.

A chi soffre la solitudine e l’isolamento forzato.

A chi aveva già fatto dell’isolamento consapevole il proprio modello di vita.

All’umanità intera che ha pieno diritto alla narrazione di un presente e di un futuro da vivere nella condivisione di rapporti, amicizia, affetti, sensibilità, abbracci, amori.

Al di là dei proclami e dei vuoti presenzialismi, propri dei tempi correnti, la lezione dei medici, degli infermieri, dei volontari va còlta e non sprecata, nel senso che vanno “recuperati” l’eticità e la credibilità dei comportamenti, la solidarietà e la coesione sociale, i valori in cui credere, la spinta ideale e di passioni, che sono adempimento del dovere, ma non solo.

Nel senso e nel segno della volontà dell’Ottimismo, valga la forza della Poesia di mio padre Giannino di Lieto (1930 – 2006). Che torna a noi con Frange, L’ombra intorno, Giochi verticali (tutte ripubblicate nell’Antologia Giannino di Lieto Opere, Interlinea 2010).

 

*****

Frange

Fa notte così presto

che accende le piccole storie

a mucchi d’alba

tesi in lunghi corridoi

o sprocchi sbraci

al torpido pensare

il vento di un falò.

 

*****

L’ombra intorno

Occhio della notte

che l’ostro annuvola

in falce d’ore

un fiume la raggela:

è l’alba chiusa nelle occhiaie

come la pioggia scava

disancorato vivere in deriva.

 

*****

Giochi verticali

Il tempo della capra

quando si munge piegati sul ginocchio

era uno spiazzo estivo,

ombra in corsa d’acqua

la fatica saltellante negli squadri cavi

graffiare del naufrago le mani

povere piante

come d’antico vivere:

Il grido si è spellato sulla bocca.

 

*****

C’è un punto di riferimento concreto, preciso ed esemplare che è dato dall’intera opera di Giannino di Lieto. Sono qui particolarmente grato anche perché posso rendergli omaggio per tutta quanta quella lezione che la sua scrittura ha offerto a me come a tanti altri in trent’anni di attività poetica”.

(GIORGIO BÁRBERI SQUAROTTI, dalla Relazione al convegno sulla poesia di Giannino di Lieto, tenutosi a Minori, nel maggio 2007)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.9%
NO
 26.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy