Giovedì , 24 Maggio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “The post” di Steven Spielberg
11 Febbraio 2018
 

È in certi film americani – e in certi film inglesi – che si ritrova, più spesso che altrove, quella sostanza rara e preziosa che è l'idealismo.

Ma l'idealismo cos'è? Se per definirlo volessimo basarci sull'ultimo film di Steven Spielberg intitolato The post, dove appunto lo si può riconoscere, si dovrebbe dire anzitutto che l'idealismo non è, almeno non soltanto, nell'astrattezza di quei sognatori che ignorano del tutto le regole della vita pratica; perché i personaggi del film di Spielberg sono i proprietari, gli editori, i giornalisti di un quotidiano, il Washington post, i quali, per condurre con un qualche successo quel giornale, ne devono curare gli aspetti finanziari, devono tessere amicizie politiche, entrare in competizione con altri quotidiani: insomma con la vita pratica hanno un commercio costante, tale che, come capita, potrebbe indurli al cinismo. E invece, almeno a un certo punto della loro carriera, decidono, alcuni di loro, di accantonare le convenienze della vita pratica in omaggio a una convinzione, per la difesa di un principio che a loro pare perfino più importante della sopravvivenza di quel giornale a cui hanno dedicato tutta la loro esistenza.

Il film si svolge negli Stati Uniti, negli anni Settanta, nel pieno della guerra in Vietnam. E da un dossier segreto, trafugato dall'ufficio del Segretario alla Difesa, fatto pervenire al New York Times e poi, in una seconda copia, appunto al Washington Post, si scopre fra l'altro che l'amministrazione americana si ostina a perseguire quella guerra, a mandare i propri giovani a morire in un paese straniero, anche se uno studio circostanziato ha dimostrato che non esiste nessuna possibilità per gli Stati Uniti di vincere quella guerra.

È giusto pubblicare quei documenti segreti? Non si rischia così di aggravare le condizioni dell'esercito americano, addirittura di mettere a repentaglio la sicurezza del paese?

Il New York Times decide per la pubblicazione, anche perché si tratta di un scoop clamoroso.

Ma quando la magistratura vieta quella pubblicazione, quando chi trasgredisce quel divieto rischia la galera, quando il presidente in carica degli Stati Uniti, Nixon, minaccia le più gravi ritorsioni contro i giornali disubbidienti, quando si rischia di perdere ogni protezione politica, ogni sostegno finanziario, la decisione di continuare a pubblicare si fa altamente drammatica, e può avvenire soltanto per un ideale: quello della libertà di stampa e, insieme, del diritto di un paese alla conoscenza: quel diritto, come sanno bene i radicali, essenziale a una democrazia.

Si sa che in arte non sempre le nobili intenzioni producono bellezza. E anche il film di Spielberg – che certo è come sempre di alto livello professionale, si avvale di ricostruzioni d'ambiente che si indovinano minuziose, di grandi attori, come Meryl Streep e Tom Hanks – ha tuttavia i limiti che sono spesso delle opere edificanti, quelle che vogliono additarci il bene: e cioè i personaggi sono più modelli ideali, che figure vere e concrete. La verità artistica, nel film di Spielberg, si rifugia in certi personaggi secondari: come un giornalista che, tutto contratto dall'inibizione, con un senso puritano di scandalo, corre a consegnare al direttore del suo giornale un oggetto proibito, una scatola che contiene una copia del dossier segreto che una ragazza, una hippie, ha disinvoltamente posato sulla sua scrivania.

Tuttavia: esprimere tutto il valore di un ideale, e costruire, intorno a quell'ideale, un racconto così abile che comunque emoziona, e forse anche infiamma, è, seppure non un merito artistico, un merito civile.

The post ha ottenuto 2 nomination agli Oscar, una per l'interpretazione di Meryl Streep, una come Miglior Film.

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della puntata di “Cinema e cinema”
trasmessa da Radio Radicale il 10 febbraio 2018
»» QUI la scheda audio)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 72.6%
NO
 27.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy