Lunedì , 26 Febbraio 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Sport e Montagna > Ritratti
 
successivo  
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Alberto Figliolia. In memoria di Luis Suárez, detto Luisito
13 Luglio 2023
 

Un architetto. Fabbricante di bel gioco. Celeberrimi i suoi lanci di 30 metri, se non 40, che in un lampo e con millimetrica precisione coprivano le distanze collocando la palla sul piede del compagno lanciato in contropiede o alla porta avversaria. Luis Suárez Miramontes, per tutti Luisito, nato a La Coruña il 2 maggio 1935 e morto a Milano il 9 luglio del corrente anno, colonna della Grande Inter, numero 10 per antonomasia. Classe, eleganza stile, visione di gioco superba, un piede meraviglioso e anche una discreta propensione al gol. Fantastico quello realizzato in un derby dell’aprile 1967, 4-0 per i nerazzurri, con una serie di finte a sbilanciare i poveri difensori rossoneri per poi concludere con un delizioso semi-pallonetto.

Artefice di grandi successi per le squadre con cui aveva evoluito – Barcellona: due titoli nazionali, due Coppe di Spagna, due Coppe delle Fiere; Inter: tre scudetti, due Coppe dei Campioni e due Intercontinentali; Spagna: un Campionato d’Europa. E anche la squadra della sua città d’origine e la Sampdoria, ultima équipe vissuta come giocatore.

Una carriera lunga e di successo, iniziata nel 1953 e terminata ben vent’anni dopo, a ben 38 anni. In tutto questo anche un Pallone d’oro nel 1960, miglior calciatore d’Europa.

Luisito aveva scelto l’Inter. E Milano, al punto tale che nella città ambrosiana si era fermato a vivere, dopo le varie parentesi come allenatore, fra cui ovviamente quelle con la Beneamata della quale infine era divenuto un eccellente osservatore. Lo sguardo era finissimo al pari dei piedi. Tanto milanese da azzardare, dalla base di un italiano perfetto con quel pizzico di esotismo dato da un residuo di accento iberico, battute anche nel dialetto meneghino.

Calciatore sublime, personalità forte, Luisito era un uomo oltremodo interessante: simpatico, ironico, di piacevolissima compagnia, una miniera di storie e aneddoti. Ben più di una figurina.

Luisito era un patrimonio non solo interista, ma del calcio mondiale, un’icona, uno dei massimi interpreti nel ruolo di regista. Ci mancherà. Ma di lui rimarranno il ricordo delle grandi gesta calcistiche e della incredibile carica umana.

 

Alberto Figliolia


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 72.3%
NO
 27.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy