Sabato , 28 Novembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > One Shot
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
13. Silvia Monti domanda a Lello Voce
02 Marzo 2009
 

Marzo. La primavera si avvicina (evviva!). L'appuntamento di questo mese è con un poeta che bisognerebbe sentire e vedere dal vivo per avvicinare il suo percorso artistico. Ci provo comunque... Lello Voce si occupa intensamente dell'aspetto orale, performativo, della sua poesia: partecipa e organizza poetry slam, anche come EmCee.

Insomma, qualcosa di un po' differente dall'idea tradizionale della figura del poeta... (s.m.)

 

 

Non ti capita mai (o ti è capitato) di sentirti un po' come una rock star durante le tue performances poetiche?

 

Non so come si senta una rock star. Non sono una rock star, non lo sono mai stato e credo che, ahimè, non lo sarò mai. Sono più semplicemente un poeta che legge le sue cose ad alta voce insieme a dei musicista e, a volte, ad un video artista. So dunque dirti cosa provo mentre faccio 'questo'. Credo che si tratti della stessa sensazione che si prova in altre situazioni estremamente intense di piacere, di dolore, di pericolo, di stupore. Insomma: aumento la mia produzione di adrenalina (e di endorfina, anche se può sembra strano...). Comunico e mi comunico con un'intensità che è molto diversa da quella quotidiana, usuale, in cui io, come tutti, passo la maggior parte del mio tempo. È come essere un acrobata sul filo, un filo teso fatto di suoni e parole. E andare avanti, ad occhi chiusi, nella speranza di non sbagliare un solo passo. Il pubblico è il baratro e insieme il luogo da raggiungere. L'unica cosa che m'aiuta è un po' di fiuto, tanto fiato e migliaia di parole. Tutto qua.

 

 

 

Piccola Cucina Cannibale

 

                                                  a J.

 

ho bisogno di una scorciatoia lenta e di una vita che mi menta

dove si senta il suono spento d’ogni sentimento io ho bisogno

di un sogno lasciato indietro di trovare un metro alla menzogna

di sfuggire alla gogna bisogno di silenzio di assenzio e mugugno

ho bisogno di tatto d’olfatto di dare di matto sfuggire allo scacco

bisogno di occhi e polpastrelli di lingua di narici di mitragliatrici

di un gorgo sordo che inghiotta il futuro di una vena delle tue radici

 

) strappami le pupille e masticale con tenerezza assapora il gusto

amaro dello sparo e la polvere che ho sparso sulle emozioni tagliami

la lingua e brucia la punta fino a che il fumo non si fa incenso,

fino trovare un senso)

 

se ancora esisto è per nutrirti per stupirti per sfuggirti e per tradirti

metterti spalle al muro all’angolo e chiederti di arrenderti al segno

ambiguo che ci separa all’aria rara che sta tra noi e ci unisce in

un soffio al vuoto d’ogni nostro moto se ancora esisto è per dirti

per favore continua a stupirti per dirti bada che amore non fa rima

con cuore ma con il rombo del dolore con i muscoli strappati che

carezzi a sera con l’unica cosa vera sangue versato che fa primavera

 

) divaricami le gambe e staccale dal tronco smonta le ginocchia

svuotale di liquidi e parole asciugale al fuoco lento del dubbio

affonda l’accetta alle natiche con un colpo secco e netto dividimi

fammi a pezzi divorami)

 

se ancora esisto è per dirti di non credere una sola parola di affilare

lo sguardo come lama puntata alla gola di continuare a credere che

anche il tacchino vola anche a costo di restare sola anche a costo di

essere tu a dire l’ultima parola se ancora esisto è per l’acrobazia

che mai non sazia per quest’ultima carezza un attimo prima del

respiro affannato che mi spezza è per leccarti le mani con dolcezza

per bere il tuo sale asciugarti il male è per amore o per quel che vale

 

) tagliami le orecchie con cura e ricucile ai lati delle labbra e le

palpebre i polpastrelli applicali alla lingua con spilli e virgole e

punti là dove batte là dove il dente duole e pulsa in grumi di dignità

il ritmo del dolore l’accento della libertà)

 

ho bisogno di dimenticare il futuro di immaginare il passato bisogno

di fiato caldo sul collo di minacce di ricatti di violenza di una lenza

avvelenata bisogno di un’unica durata liscia come uno specchio come

il ghiaccio che il filo dei pattini fende come fosse il taglio d’una storia

comune un percorso un morso di vita che stride di lame e uccide io

ho bisogno di pelle e d’olfatto ma tu guardami senza toccarmi e ora

rubami la vita con destrezza amor mio e poi spegnimi con dolcezza

  

(da L'esercizio della Lingua, Le lettere, libro + Dual Disc, 2008)

 

 

Piccola cucina cannibale (5’ 58”)

(Testi di Lello Voce, musica di Paolo Fresu e Frank Nemola)

Lello Voce – spoken word

Paolo Fresu - tromba

Frank Nemola – elettronica

Registrato e mixato a Bologna – LittleBird Street Studios – 2008

 

Audio Mp3 qui

 

 

 

Lello Voce è nato a Napoli nel 1957; vive e lavora a Treviso. È stato tra i fondatori del gruppo-rivista Baldus e ha fatto parte del Gruppo ’93; ha inventato e dirige i Cantieri Internazionali di Poesia Absolute Poetry, a Monfalcone; ha introdotto in Italia il Poetry Slam ed è il più noto EmCee italiano. Ha collaborato con artisti e musicisti come Paolo Fresu, Michael Gross, Frank Nemola, Giacomo Verde e Luigi Cinque. In versi ha pubblicato Singin’ Napoli cantare (prefazione di Giuliano Mesa, Ripostes 1985), (Musa!) (con audiocassetta, Mancosu 1991, introduzione di Romano Luperini), I segni i suoni le cose (con cd audio, Piero Manni 1995, presentazione di Niva Lorenzini), Farfalle da combattimento (con cd audio, prefazione di Nanni Balestrini e nota di Jovanotti, Bompiani 1999) e Fastblood (cd audio Absolut Poetry/Self 2005, musiche di Paolo Fresu, Michael Gross e Frank Nemola). Nel 2008 è uscito nella collana “Fuori formato” de Le Lettere L'esercizio della Lingua, che riunisce buona parte della sua produzione insieme alle poesie della sua ultima raccolta, “Piccola cucina cannibale”. Il volume è accompagnato da un dual disc che ospita il suo nuovo Cd di poesia e musica (con Nemola, fresu, Gross e Salis) e un Dvd con molto materiale d'archivio e tre video originali di Giacomo Verde e Robert Rebotti.

Ha inoltre pubblicato il romanzo Il Cristo Elettrico (Noreply 2006) e curato il volume di Haroldo De Campos, L’educazione dei cinque sensi (Metauro 2005). Collabora a l’Unità e il suo sito è www.lellovoce.it

 

s.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy