Domenica , 19 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giuseppina Rando. Un clone
(foto Chiara G.)
(foto Chiara G.) 
27 Giugno 2017
 

Camminava lentamente con passo stanco lasciando orme profonde lungo il bagnasciuga.

Mentre affondava i piedi nella sabbia lucida e molle, voci strane e cupe risuonandogli dentro dipingevano sul suo volto, dai tratti scavati, il color della cenere.

Era vecchio, Gelio: sulle sue spalle i ricordi di una lunghissima vita, un Noè dall’espressione triste, condannato a rivedere qualcosa di già visto, costretto a constatare che tutto torna, tutto si ripete.

Il suo sguardo opaco era quello di chi non ha più curiosità, che guarda la vita attraverso un filtro che ne sfuma i contorni.

Accanto lo seguiva, come ombra, una giovane donna, sua amica, Eva.

Era bellissima, la carnagione rosea, due occhi chiari, capelli castani. La sua bellezza non conosceva ancora l’usura del tempo.

Un colpo di tosse stroncò il discorso che Gelio stava per iniziare e si perse nel mormorio delle onde.

Riprese la parola come se parlasse a se stesso:

Platone sognava la Repubblica dei filosofi, oggi tutti sognano la Repubblica “del viver a lungo”. Ci sono riusciti. La scienza mi ha dato una lunghissima vita, ma mi ha tolto la gioia di vivere, non provo più emozioni. Sono carne senza anima.

Perché parli così, Gelio? Tu sei ancora un uomo di rara intelligenza, un amico eccezionale che mi ha dato luce, forza, coraggio. Tu sei l’artista, il poeta, lo scrittore che mi ha fatto e mi fa sognare.

La vita è un sogno, Eva. Il mio spirito anela ad uscire da questa gabbia di cellule, da questo corpo divorato dall’autocorrosione. Il mio spirito anela a volare libero.

Un’onda più lunga bagnò i calzoni di Gelio e gli spruzzi il viso di Eva. Un gabbiano, dopo un ampio volo su di loro, si posò in cima allo scoglio di fronte. Si fermarono.

Vedi, Eva, riprese il vecchio, spesso sogno di essere un gabbiano. Forse in un'altra vita sarò stato un gabbiano, avrò cantato un canto senza parole; solo suoni. Un canto di chi vinto non si rassegna. Il passato è dimenticato, è instabile, è come il mare interiore comunicante con il mare dell’oceano della vita tutta, dove si può sfociare se non ci si aggrappa ad un angolo di terra ferma, visibile per qualche istante per poi essere di nuovo sommersa.

Il mare divenne a poco a poco scuro, lenta scendeva già la notte. Nel cielo poche stelle. Eva sentiva il respiro ansimante di Gelio, dal quale nonostante gli acciacchi fisici si sentiva sempre più attratta. Aveva tanto desiderio di scavare nel suo passato di conoscere la sua vita intima e così disse:

Ho saputo che hai avuto una passione di fuoco per una bella donna. Com’era quella donna? Descrivila, Gelio.

L’amico si girò per guardarla e come se la vedesse solo allora: – Era come te, era il tuo doppio – mormorò accigliandosi.

Un sosia, un clone della mia immagine?

Un lungo, lunghissimo silenzio. Poi Gelio riprese:

Sì, ma il cervello non è replicabile mia cara amica. L’ipotesi dell’immortalità dovrà fare i conti con un vissuto neuronale che è già vecchio.

Già, – aggiunse Eva, – come scrisse Seneca: Quam bene vivas refert, non quam diu (non importa quanto si vive, ma come si vive). Ancor oggi è così.

Stanchi per la passeggiata e ancor più per la difficile conversazione i due amici tornarono in albergo.

Salirono nelle rispettive camere, una di fronte l’altra.

Eva era turbata. Sentiva rumore nella camera di Gelio: temeva che soffrisse, oppresso dalla sua sempre più tetra fatica di vivere. Eppure lo amava, lo amava anche senza speranza.

La consolò il pensiero di essere un clone.

 

Giuseppina Rando

 

 

Tratto da Nel segno, Pungitopo, Marina di Patti (Me), 2010 – Premio letterario “Città di Offida - Joyce Lussu” 2011 (Sesta edizione)


Articoli correlati

  In libreria/ Ginevra Grisi. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Del dire indicibile...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Da stazione marina...
  Premi e concorsi/ Poesia e prosa: i vincitori del “Lorenzo Montano” XXXI edizione
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Strugge la caducità...
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  In libreria/ Angelo Andreotti. “Geometria della Rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. S’adagia sonnolenta...
  Pina Rando. A Patrizia
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. S’è spenta la luce...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Sgomenta l’aggirarsi...
  In libreria/ Giuseppina Rando. Geometria della rosa
  In libreria/ Pasquale Matrone. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Una fila di foglie acuminate...
  In libreria/ Patrizia Garofalo. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Smarrito il codice...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Urla squarciano il silenzio...
  Flavio Ermini. Esistenza e libertà
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Nastro di memoria...
  Barcellona Pozzo di Gotto. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando alla Biblioteca N. Di Giovanni
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Danza sotto il cipresso...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Camminano i sogni...
  Vetrina, In libreria/ Giuseppina Rando. Dal monte a valle saette...
  In libreria/ Domenico Pisana. In punta di libro…
  In libreria/ Geometria della rosa di G. Rando. Nota di Claudia Vazzoler
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Ala di sogno
  In libreria/ Guglielmo Peralta. “Geometria della rosa” di Giuseppina Rando
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Va la barchetta all’alba...
  Vetrina/ Giuseppina Rando. Come cervi assetati larve umane...
  Giuseppina Rando. Misura
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy