Mercoledì , 06 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Marisa Cecchetti. “Santi numi” di Jacopo Masini
24 Settembre 2021
 

Jacopo Masini

Santi numi

Edizioni Ɛxòrma, 2021, pp. 180, € 16,00

 

Parmense classe ’74, autore di narrativa varia e insegnante di scrittura creativa, Jacopo Masini offre un’occasione di raro divertimento con i racconti di questa raccolta. Brevissimi alcuni, quasi uno schizzo sulla pagina o una breve di testata, altri più narrativi e intrecciati, tutti lasciano lo stupore e il sorriso. Perché Masini, per suscitare ilarità, non usa le formule classiche e depauperate delle battute-barzelletta, né affonda improvvisamente nel linguaggio grossolano per rubare una risata, no, lui racconta come se fosse a veglia, in mezzo a gente di paese che si conosce tutta, e, come fanno quelli che trascorrono ore a ripassare vita morte e miracoli degli altri, e sanno le parentele, le nascite, i matrimoni, le morti, gli affari di tutti, e fanno commenti più o meno colorati, ecco, così fa lui.

I personaggi delle -chiamiamole- serate a veglia sono personaggi comuni, che fanno lavori comuni, ma lui li eleva a santità per le loro scelte di vita, le più surreali ed assurde, o azioni altrettanto surreali meritevoli di santità. Intanto il lettore scopre echi della vita dei Santi che conosce, o gli ritornano passi biblici, mentre un angelo nelle vesti di cliente del supermercato comunica alla cassiera Maria che rimarrà incinta, e poi tranquillizza nel sogno Giuseppe, che con quella ragazza non ha mai fatto l’amore: “Ciao, Giuseppe. Senti, sono stato io a dare la notizia a Maria, sono andato a trovarla al supermercato ed è successo ‘sto casino. […] Ascoltami. Maria è una ragazza splendida, non lasciartela scappare. […] Ti assicuro che non è stata con un altro uomo e che avrete un figlio eccezionale”.

Per tutti i beati che Masini crea, non essendo lui stato presente nella vita di ognuno di essi, ovviamente ha bisogno di fonti veritiere: a proposito dei dubbi di Giuseppe che non sa più se sposare o no Maria e glielo comunica, nessuna fonte può essere più vera della “Silvana Bergamini di via Argonne, che se c’era una incapace di farsi i cazzi suoi era sicuramente lei”.

Ma le fonti talora sono discordanti, magari “Matteo dei Prati Bocchi fornisce una spiegazione diversa”, parlando proprio della apparizione in sogno a Giuseppe, perché all’angelo “non bastava andare a disturbare la gente sul luogo di lavoro, no, doveva andare dalla gente anche mentre dormiva”.

Non mancano i documenti scritti, le cronache dell’epoca - che è quella, figuriamoci, degli anni ’70 e ’80 del secolo scorso! Possono essere la “Vita e detti degli abitanti delle zone umide tra Colorno e Baganzola”, oppure la più ricca “Cronaca delle diciassette tribolazioni dei giorni d’estate, quando c’è molta afa e non c’è modo di trovare un po’ di fresco neanche all’ombra di un salice in riva al fiume”.

Tutto è raccontato come se emergesse da un lontano passato tanto da essere diventato leggenda, col narratore che si interrompe per aprire finestre sul racconto quasi a rispondere alla curiosità di chi ascolta; poi riprende il discorso e fa parlare i suoi santi, chi li ha conosciuti o chi li ha incontrati: – “E alora, a’m tolì pr’al cul?” dice una donna in fila da tempo alla cassa, quando l’angelo/cliente parla tranquillamente con Maria, ma nessuno li sente parlare, e intano passa il tempo e la donna perde la pazienza.

Sono macchiette queste vite trascinate tra i paesini della pianura padana, dipinte con maestria, in un ripetersi di paradossi, in un incrociarsi e scontrarsi di registri linguistici, con il palese divertimento del Masini che scrive.

Semiseria è anche la introduzione dell’autore in “Fatti e miracoli della pianura”, in cui si sofferma sulla possibilità di discernere il vero dal falso, e su “un certo numero di fatti notevoli che diventano veri nel momento in cui vengono letti” in quanto “si realizzano nella nostra immaginazione, una volta che li abbiamo ascoltati o letti”.

Queste storie non le aveva raccontate nessuno: “nessuno lo aveva fatto, perché prima che fossero raccontate non esistevano. […] Se non che sono tutte vere e quindi tutte inventate”.

 

Marisa Cecchetti


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy