Domenica , 19 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Aperitif all'Apeiron
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
György Lukács 
di Gianfranco Cordì
22 Aprile 2017
 

György Lukács e io ci troviamo, per un aperitivo all’Ápeiron, seduti in un tavolino del locale gestito da Bruno Muratori. Avendo come mio ospite, questa volta, il maggior rappresentante del marxismo ortodosso sono sicuro che il mio dialogo con Lukács sarà accompagnato da Muratori stesso. Infatti costui si fa vedere e viene fuori, durante i miei aperitivi all’ Ápeiron, solo quando sono con me importanti teorici del marxismo, del comunismo e della lotta di classe.

GIANFRANCO: «György, ascolta, il tuo capolavoro Storia e coscienza di classe è del 1923: risale a 94 anni fa. Ha senso, secondo te, ripensare ancora oggi le categorie fondamentali del comunismo?»

MURATORI: «Non gli dare retta: Non c’è lotta, non c’è conquista senza un forte Partito Comunista».

LUKÁCS: «Non è questo il punto. Il punto è quello di domandarsi, oggi ancora una volta, se esistano o meno le condizioni per il comunismo nel mondo».

GIANFRANCO: «In fondo la tua domanda equivale all’interrogazione che chiede: è la globalizzazione un destino? Ovvero: il sistema economico capitalistico è l’unico veramente degno di essere perseguito nel Pianeta?»

MURATORI: «Non ve la prendete con me con la scusa che sono il proprietario dell’Ápeiron. Caffè offerto a tutti e due se non ve la prendete con me!»

LUKÁCS: «Nella mia opera io ho tracciato un quadro. L’essere marxisti è una faccenda di metodo non di cose che si dicono. In questo senso il metodo di Marx è la dialettica. Per cogliere la realtà non vi è che un unico metodo: la dialettica che riesce a vedere le cose come totalità. E le classi sociali rappresentano il punto di vista del soggetto dialettico. Cioè del soggetto che, di fronte all’oggetto, deve pensare se stesso attraverso un oggetto colto come totalità».

GIANFRANCO: «Ma oggi le classi sociali sono erose. Pensa alla fine della famosa classe media…»

MURATORI: «Io sono l’ultimo esponente della middle class…»

LUKÁCS: «Ma oggi esiste chi sta sopra e chi sta sotto rispetto alla ricchezza. Esiste una forte diseguaglianza economico-capitalistica fra i possessori della ricchezza globale e chi ha solamente la propria prole come ricchezza».

GIANFRANCO: «I nuovi borghesi e proletari!»

MURATORI: «Chiamali come vuoi, la sostanza del discorso è adamantina: oggi che un grande gap tra chi ha e chi non ha».

GIANFRANCO: «Mascherato da chi illustra le dinamiche della società attuale profetizzando un gap tra chi è connesso, on line, e chi non è connesso, off line, rispetto alle grandi reti della comunicazione globale».

LUKÁCS: «Insomma anche oggi ci sono i proletari. E io nella mia opera affermavo che solo con l’apparire del proletariato la società può riuscire a scorgersi come un intero».

MURATORI: «In questo senso il principio che fa la storia è la coscienza di classe».

GIANFRANCO: «Quando il proletariato riesce a prendere coscienza di se stesso come classe, solo allora si ha la storia».

LUKÁCS: «I nuovi poveri di oggi forse non sono proletari e forse lo sono. Sono persone che sono relegate nel gradino più basso della scala sociale. Ma la mia analisi è corretta anche oggi perché io ho analizzato il capitalismo e mi sembra che questo sistema economico sia ancora oggi quello che vige su tutto il Pianeta».


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy