Martedì , 23 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spinus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Il caso dell’orsa Jurka
Jurka. Da notare la bava alla bocca e la sua espressione sconsolata...
Jurka. Da notare la bava alla bocca e la sua espressione sconsolata... 
06 Novembre 2007
 

Avremmo preferito non raccontarvi di questa storia e aspettare in un lieto fine, ma questa non è una favola e pensiamo che serva l’aiuto di tutti per porre fine a questa violenza.

L’incolpevole protagonista è Jurka, un’orsa di nove anni, è stata infatta portata in Italia per una precisa scelta delle istituzioni locali, all'interno di un progetto di reintegrazione degli orsi nelle Alpi del Trentino – chiamato “Life Ursus” – finanziato in parte dall'Unione Europea. Con questo progetto sono stati introdotti in Italia 9 orsi prelevati dalla Slovenia. Nel corso di 6 anni, da 13 cucciolate sono nati 27 piccoli. Jurka, una delle 6 femmine, ne ha messi al mondo 5.

Fin qui sembrerebbe una bella storia ma qualche mese fa l’orsa si avvicina un po’ di più ai centri abitati, rovista alcuni cassonetti, forse uccide una pecora e alcune galline e così il 29 giugno scorso Jurka è stata catturata e messa in un recinto nel Santuario di San Romedio in Val di Non. Il recinto misura 30 x 50 metri, per un’animale vissuto sempre in libertà è un’angusta cella. Così scattano le proteste da tutta Europa, in Italia vengono raccolte 14.000 firme ma la situazione non cambia.

E anzi peggiora. Si è venuto a sapere che sabato 13 ottobre, di mattina presto, con un blitz dei forestali a S. Romedio, Jurka è stata prima narcotizzata e poi sterilizzata. A quanto si sa, questa è la quinta volta in tre mesi e mezzo che Jurka viene narcotizzata, e questo è davvero pesante ed estremamente invasivo per un animale selvatico. Tutto questo, assieme alla prigionia in un luogo troppo piccolo, fa concludere che Jurka sia sottoposta a un vero e proprio maltrattamento. In Italia, esiste una legge contro il maltrattamento, ma evidentemente le istituzioni non si danno pena di rispettarla. Né danno risposte su quale sarà la sorte di questo animale.

Proprio il 13 ottobre era il giorno di una grande manifestazione per Jurka, fra l’altro molto partecipata e sentita, però al momento le cose non sono cambiate.

Intanto inizia a manifestare chiari segni di sofferenza: ha la bava alla bocca e intorno al recinto c’è un filo spinato con la corrente, passa le giornate ad arrampicarsi sui pali per cercare di uscire dalla fossa. Per un’animale nato libero la cattività è pure peggiore della morte e se non sarà liberata al più presto potrebbe risentirne in modo permanente sia psicologicamente che fisicamente.

Ci chiediamo che senso ha avviare progetti di reintroduzione quando non si possono dare garanzie certe sulla sorte degli animali, che non sono cassette da spostare da un posto all’altro ma esseri senzienti come noi.

 

Per informazioni e adesioni:

michele.mottini@cheapnet.it

 

LEAL Sezione di Sondrio

(per 'l Gazetin, novembre 2007)


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy