Domenica , 03 Marzo 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Giovanni Maria di Lieto. Per una Nuova Sinistra
03 Dicembre 2023
 

Spesso in Politica, la verità è dichiarata, non motivata, quindi assoluta, indiscutibile, incontestabile. In Politica, la verità non va intesa come sinonimo di dimostrabilità: tant’è che la verità non è “una”, ma ciascun soggetto che si muove nella competizione politica è depositario di una “sua” verità. A maggior ragione questa riflessione trova riscontro negli schemi della corrente vita politica. Cadute le così tanto biasimate “ideologie” (e quindi la spinta ideale e propulsiva che ne derivava), ciascun soggetto della vita politica (singolo, movimento, partito), ha le sue certezze. C’è chi si professa “europeista”, chi è “sovranista”, chi è stato “sovranista”, ora invece ha scoperto la sua vocazione “saldamente europeista”. Chi è liberale e riformista, chi è democratico (siamo tutti “democratici”), chi è conservatore, chi esprime un qualunquismo radicale, che “non è né di destra, né di sinistra”.

Premetto che condivido pienamente che la moralità deve essere un prerequisito di partecipazione alla vita pubblica. E non condivido alcune “derive” della cd. Sinistra (o, più correttamente, cd. Centrosinistra) nel corso del tempo. Vedi ad es., a titolo esemplificativo, tutte quelle “incrostazioni” di potere, in particolare in ambito locale, che contrastano con il “merito” e confondono talvolta la Sinistra con conventicole chiuse, del tutto estranee ai valori e alla storia della Sinistra. Bisogna rassegnarsi, la spinta propulsiva e ideologica non c’è più (e Nenni, Lombardi, Lama, Berlinguer non tornano più). Altri tempi. La principale ragion d’essere della sinistra si poteva riassumere nel pensiero di Pietro Nenni: "Il socialismo è portare avanti tutti quelli che sono nati indietro". Cultura del partito, delle sezioni e del dibattito interno, della discussione e della partecipazione popolare. Ci si chiamava “Compagni”, per identificare tutti quelli che condividevano l’Idea, ci si dava “del tu” e scomparivano le differenze di classe (il medico, l’avvocato, l’ingegnere erano del tutto uguali all’operaio ed avevano pari dignità all’interno del Partito), nelle sezioni si discuteva e si dibatteva la linea politica, ci si confrontava e si decideva a maggioranza. Cultura del rispetto delle posizioni di chi la pensa diversamente.

Sandro Pertini, socialista e forse il nostro più amato Presidente della Repubblica diceva, citando Voltaire: “Io combatto la tua idea, che è diversa dalla mia, ma sono pronto a battermi fino al prezzo della mia vita perché tu, la tua idea, possa esprimerla liberamente”. Mi chiedo cosa sia la Politica, senza un’anima, senza una spinta ideale e propulsiva. Al di là di un certo qualunquismo genericamente “progressista”, rendiamo la “Sinistra” riconoscibile. Scriviamo un Manifesto per una “Nuova Sinistra”, nel segno di un neo-Umanesimo, che metta al centro gli ideali, i diritti, i doveri, il merito, la giustizia sociale.

 

Giovanni Maria di Lieto


Articoli correlati

  Carlo Forin. Azzurro preferito
  Valter Vecellio. La situazione. Carcere. Ancora suicidi. La petizione radicale (che non sa di esserlo) dei Verdi
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 3
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 6
  Giovanni Maria di Lieto. Una società aperta, il principio di non violenza
  Giovanni Maria di Lieto. Per non dimenticare Stefania Venturini
  Giovanni Maria di Lieto. I tempi correnti, l’etica privata, l’etica pubblica
  Giovanni Maria di Lieto. Osservando la crisi di governo...
  I tempi correnti. Giannino di Lieto, una scrittura poetica che rende lezione
  “Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna” (Oscar Wilde)
  Giovanni Maria di Lieto. Quando la moralità professata diventa demagogia
  Giannino di Lieto: “una lezione poetica cólta e sofisticata”, una ricerca raffinata ed estrema, un “comporre sontuoso”*
  È morto Giorgio Bàrberi Squarotti
  Giovanni Maria di Lieto. Regole, principi, aspettative di buon governo della comunità locale e di “Politica 2.0”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 72.4%
NO
 27.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy