Martedì , 07 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Primo Mastrantoni. Conte, il Mes e la bufala del costo stigma
20 Ottobre 2020
 

Roma – “Il Mes, il Meccanismo europeo di stabilità, ci fa risparmiare 200 milioni l’anno, ma c’è l’effetto stigma”. Così la dichiarazione del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

I milioni risparmiati non sono 200, ma 300 l’anno, che per 10 anni (tanto dura il Mes) fanno 3 miliardi di euro di risparmio.

Il presidente Conte parla di costo dello stigma. Cosa è lo stigma?

In finanza, lo stigma è quella condizione per cui uno Stato, che chiede prestiti, è considerato sull’orlo del fallimento, o in crisi, e quindi la sua richiesta di aiuto diventa un elemento di ulteriore segnale di debolezza.

In sintesi, se si chiede un prestito vuol dire che si è in difficoltà e questo metterebbe in allarme gli investitori internazionali che considererebbero l’Italia come Paese a rischio.

È così? No, è una bufala.

Vediamo.

Non si capisce perché ricorrere ai 36 miliardi del Mes, per spese sanitarie, dirette e indirette, sia pericoloso, mentre non lo è, se si ricorre allo Sure (fondi europei per la cassa integrazione), per 27 miliardi, che è anch’esso un prestito che va restituito.

Inoltre, sono proprio i mercati finanziari che vedono di buon occhio l’utilizzo di linee di credito, a basso tasso di interesse, o addirittura zero, come il Mes, che consente minor indebitamento statale e, quindi, maggiore stabilità economica. In sintesi, i mercati internazionali sono incoraggiati a investire se un Paese offre garanzie di politica economica stabile, attenta a evitare squilibri futuri.

Sulle posizioni “No Mes”, ci sono Di Maio (M5S), Salvini (Lega) e Meloni (FdI), tutti partiti che alle elezioni del 2018 si presentarono in veste antieuropea. Poi hanno cambiato idea.

E dei soldi del Mes da impiegare per la sanità e la salute dei cittadini? Sembra che sia l’ultimo pensiero del trio.

 

Primo Mastrantoni, segretario Aduc


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy