Lunedì , 19 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Nuovi narratori italiani
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
NNI 3. Fabio Izzo
Fabio Izzo
Fabio Izzo 
14 Ottobre 2007
 

Fabio Izzo ha quasi trent’anni ed è uno di quegli scrittori che i grandi editori dovrebbero pubblicare in una collana giovanile, invece di correre dietro ai fenomeni letterari inventati da editor che riscrivono romanzi d’esordio. La grande editoria non vuole lanciare giovani che sanno scrivere e soprattutto che hanno qualcosa da dire. Forse fanno paura e allora meglio trastullarsi con noiristi e giallisti un tanto al chilo. Resta la piccola editoria e l’editoria microscopica a occuparsi di loro, ché la finta editoria, quella che chiede soldi per pubblicare, non la considero neppure. Il problema è che i piccoli editori non hanno grandi possibilità di far conoscere questi giovani autori e allora tutto si chiude in un circolo vizioso, dove il pubblico non rischia, compra Camilleri e Baricco, mentre il giovane autore giace negli scaffali della libreria di provincia. Capita che uno come Fabo Izzo pubblica un antiromanzo d’esordio come Eco a perdere che meritava tanta fortuna e invece passa inosservato. Capita che uno come Fabio Izzo avrebbe tante cose da dire e tanto materiale scritto da pubblicare, ma non trova chi è disposto a farlo. Ho letto il suo nuovo romanzo inedito intitolato “Ildebrando Aristolakis e vi giuro che è geniale, ma servirebbe un editore con le spalle forti per scommettere su un lavoro così sperimentale…

In questa puntata di Nuovi Narratori Italiani, Fabio Izzo presenta un prezioso inedito dove esperimenta per la prima volta uno stile tradizionale, calandosi in una storia d’amore ambientata negli anni Cinquanta. Izzo è uno che sorprende sempre e vi giuro che da lui un racconto come questo non me lo sarei mai aspettato.

 

Gordiano Lupi

 

 

Chi è Fabio Izzo

 

Fabio Izzo è nato ad Acqui Terme nel 1977 nel giorno che poi divenne la morte di John Lennon ma che già era dell’Immacolato Concezione. Si è laureato a Genova. E ora non ha un luogo. Escapista e neo primitivista. Sposa, assapora e abbandona fugacemente correnti letterarie. Ha pubblicato Eco a Perdere per le Edizioni Il Foglio (www.ilfoglioletterario.it), scrive per il web e per il teatro.

 

 

L’ULTIMO VOLO

 

Mi affaccio, come ogni mattina da quindici anni, a questo balcone.

Il mio sguardo si slancia fino a dove la terra arriva alle sue piaghe e si addormenta nel sonno estivo della pianura.

Con questo sguardo ho attraversato inverni bianchi da copertina, primavere che sembravano uscite dai film innocenti della Walt Disney ed estati come queste che sconfinano da dietro le colline per poi languire su queste lande desolate affogate nei sogni.

La vestaglia mi tiene caldo ma alla mia età, affacciata a questo balcone, la decenza innanzi tutto.

Non importa se mi hanno rinchiuso in questa casa di riposo, la mia vita è stata ricca e la povertà e in chi guarda.

I miei figli, gli stessi figli che hanno bevuto il mio latte, che hanno avuto parte di me e che sono stati parte di me, hanno preso altri sguardi, traviati da altre ghiandole mammarie, da seni giovani e non cadenti come i miei.

Che splendore che erano i miei seni, se mi abbandono ai ricordi posso abbandonare la decenza di facciata, i miei seni facevano girare tutti in piazza quando andavo dal commestibile per le commissioni.

Ricordo ancora i fischi, ogni tanto li sogno di notte, fischi di gioventù, spontanei, veri, adulatori ma non nascondevano nulla, mostravano sonoramente l’apprezzamento e il desiderio maschile in maniera indecente.

Non ammiravano la mia bellezza, ma la mia giovinezza, ero giovane e allegra anche se la strada da prendere in provincia era una sola e la seguivano tutti o quasi.

Maritarsi.

Cercare un cristiano che non sia peggio di altri e che potesse mantenere una famiglia senza tanti problemi.

I balli, i canti, la nostra gioventù era immediata, da consumarsi subito, non aveva data a perdere, non aveva modo di conservarsi nel consumismo.

No c’è niente a ricordare gli autunni delle vendemmie.

Non vi è rimasto nulla dei camion zeppi di gioventù che passavano al mattino per le strade fangose.

Ricordo che da sopra quei camion, seguivo col pensiero il tracciato della strada.

Guardavo il susseguirsi di fango, di pietra e d’erba, li mescolavo poi a quello che sentivo in chiesa la domenica.

Di fango e di pietra se ne parlava spesso, quasi che la strada non fosse altro che il nostro corpo

Il buon Dio usò il fango per crearci.

D’erba non se ne parlava alla Domenica.

Di quegli sporadici ciuffi d’erba che avevano la forza, la disperazione, di venire su in ogni angolo impensabile, ad ogni ciglio disastrato quando la forza dell’uomo viene meno, spuntava su l’erba in ogni margine di strada mangiato dalla natura.

L’erba era il peccato della gioventù.

Era quel cespuglio d’emozioni che i giovani amano.

Confondevo nella mia mente da ragazza di provincia dell’Italia anni 50 queste idee, senza malizia e né pudore, ma idee, volevo farmi idee mie quando avere idee era più pericoloso che avere debiti.

Ne giravano poche d’idee.

Quando si stava tra noi giovani, il nostro era un futuro incerto tra la perdita e la ricostruzione. Tutti sapevamo che dovevamo ricostruire quello che altri avevano tanto amorevolmente distrutto.

Per il resto era voglia di vita che non si sprecava nei discorsi.

Non si sprecava mai.

Era voglia di vita anche quando la mia decenza doveva stare attenta alle mani di Gianni, quel diavolaccio figlio del bracciante ne sapeva una più del diavolo per poter arrivare al cuore d’ogni donna, si trasformava in ogni principe azzurro ogni volta che tornavamo dal lavoro.

Le sue labbra si aprivano e non parlavano di ricostruire e né di feste di paese affollate, lui creava la sua moltitudine nella coppia, sussurrava quelle parole che ogni donna avrebbe voluto sentirsi dire, parlava di famiglia non usando quella parola ma gettando le basi del piacere nel costruirne una faceva sembrare tutto più magico di quel che fosse in realtà.

Quando poi le nostre campagne persero energia, Gianni se né andò in Svizzera, per lui non aveva senso andare a Torino a riempire quei casermoni, lui non voleva la moltitudine, l’affollarsi della folla avrebbe ucciso la sua magia, preferì l’esilio in terra elvetica e non tornò in paese se non molti anni dopo, quando io avevo già ormai conosciuto Pino

Pino …già, Pino.

Non l’era per niente bello, non era il più ambito del paese, non era il più ricco.

Pino però era qualcosa di nuovo, sapeva guardare al mondo e renderlo nuovo, era rassegnato a trascorrere la vita nello stesso posto.

Al bar quando si parlava di scappare, di andare lontano, di andare fino giù a Genova, al porto, a raggiungere le Americhe sognate e irraggiungibili e quei parenti di tutti così lontani, Pino sbuffava, lui sapeva della sua povertà, ma sapeva della sua ricchezza morale.

Successe che condivise quella ricchezza con me, e ricordo ancora il cammeo che mi regalò sotto quel tiglio che ora qualche amministrazione comunale ha trasformato in parcheggio senza memoria.

L’era costato un occhio della testa e l’altro occhio l’aveva già venduto al diavolo forse, ma me lo regalò con timidezza, sapendo che Gianni, sì era lontano, ma forse sempre troppo vicino e si fece avanti donandomi la sua sicurezza, quella di una generazione che non ebbe nulla da perdere.

E anche quando tornò Gianni, Pino sapeva guardare al mondo, non fece slanci, sceneggiate o che, Pino, buonanima, continuò a guardare fino alla partenza di Gianni e non mi chiese mai niente sotto a quel pesco quando chiese la mia mano.

Ora d’alberi non c’è ne sono più di così tanti, sembra quasi che non servano, ma io ricordo ancora la corteccia del tiglio quello con intagliata “Pino+ Maria”

E ricordo anche quella del pesco “Maria ama Gianni e Gianni lo sa”.

La vita che passa, linfa negli alberi.

E ora mi affaccio, come tutte le mattine ho continuato a farlo mentre il mondo è verde d’estate, non nelle mie estati, ma di queste preconfezionate che si comandano dalle stanze.

Guardo come mi ha insegnato Pino per 38 anni a guardare il mondo prima di morire.

E guardo sapendo che Gianni non tornerà. Come non tornerà il tiglio dal parcheggio.

Mi ricordo ancora però quei versi di Gianni, poeta nascosto al mondo.

Me le sussurrò in un orecchio prima di baciarmi di incidere la corteccia del pesco

Quanta è bella giovinezza

che si fugge tutta via

del doman non v’è certezza

Chi vuol essere lieto sia”.

Non erano sue ma le rese sue, e cosa c’è di più poetico?

Sospiro su una vita passata, su due occhi chiusi e su un ritorno che non avverrà e di parusie mancate.

Non mi piace questo mondo e guardò in giù.

Ho avuto sempre decenza ma questo mondo sembra averne dimenticato il significato.

Sorrido e mi riscopro alla mia età, dopo tanti anni ho imparato che da un balcone si può volare.

 

Fabio Izzo

fel_fabio@yahoo.i


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.4%
NO
 26.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy