Giovedì , 24 Maggio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Pasquale De Fazio. Giorno della Memoria in una scuola media di Vercelli
Thomas Gazit
Thomas Gazit 
30 Gennaio 2018
 

Vercelli – Su invito della dirigente scolastica dr. Fulvia Cantone e con la regia del prof. Stefano De Fazio docente dell’Istituto, Thomas Gazit e Pasquale De Fazio della Ass. Italia Israele di Vercelli, Novara e Casale Monferrato lunedì 29 gennaio 2018 si sono recati presso l’I.C. “Ferrari” di Vercelli per commemorare il Giorno della Memoria. Erano presenti gli studenti di tre classi terze e di una seconda classe.

Il prof. Pasquale De Fazio si è soffermato sull’importanza del ricordo e sul rispetto del “diverso” o di chi è considerato tale. È poi partito dalla terminologia “Soluzione finale” per illustrare l’atroce svolgimento della Shoah in Europa e in particolare in Italia con riferimento alle deportazioni e alle torture inflitte ai deportati. Deportati prelevati dalle loro abitazioni, stipati su carri merci e senza colpa portati in campi di sterminio. I sopravvissuti tra i partiti da Milano, meno del dieci per cento. E tutto questo a poca distanza da casa nostra, nell’indifferenza generale: S. Vittore, Hotel Regina, Binario 21. La Shoah può ripetersi, dipende da noi che non abbia più a verificarsi.

Ha fatto seguito l’esecuzione in jiddish di alcuni canti e di alcune poesie sull’insurrezione del Ghetto di Varsavia. Trattandosi di una Scuola a indirizzo musicale sono stati particolarmente apprezzati. Poi un breve filmato su Binario 21 della stazione Centrale di Milano dal quale partivano i convogli per i campi di sterminio tedeschi. Molto seguita dai ragazzi è stata poi l’intervista con la neo senatrice Liliana Segre sopravvissuta alla deportazione e ad una “ marcia della morte”.

Infine la lezione testimonianza di Thomas Gazit sulla casa rifugio per ebrei, sotto egida diplomatica svizzera, detta “Casa di Vetro” di Budapest.

Abbiamo potuto seguire i tormenti e le angosce di ogni genere subiti, dalla occupazione tedesca alla liberazione da parte delle truppe sovietiche, di oltre tremila ottocento ebrei che avevano trovato rifugio precario, in un edificio, non abitativo, nel quale erano costrette a vivere così tante persone. Fu una forma di resistenza, fatta di sotterfugi e di documenti contraffatti, altre forme non erano possibili, che permise ad un numero relativamente alto di esseri umani di sfuggire alla deportazione e alla morte. I ragazzi sono stati molto coinvolti e affascinati dalle parole di Thomas, pacate e dolenti, provenienti da un atroce passato ma portate da uno che era presente allo svolgimento dei fatti. Sono state anche proiettate immagini della Casa di Vetro e documenti fotografici relativi.

Ringraziamo la preside, gli insegnanti e i ragazzi della Scuola “Ferrari” di Vercelli che ci hanno permesso di trasmettere e di mantenere vivo il ricordo. Come ha detto Liliana Segre il peggio è l’indifferenza. Non possiamo comprendere, non vogliamo comprendere, perché comprendere è condividere, e in certo qual modo giustificare,  ma ricordare è un obbligo morale affinché l’incomprensibile non abbia mai più a verificarsi.


Foto allegate

La Casa di Vetro
Articoli correlati

  Un ragazzino nell'ospedale dei nazisti
  Pesia d’autore/ Tadeus Różewicz. “Der Tod ist ein Meister aus Deutschland”
  Il mondo di ieri. Ricordi di un europeo di Stefan Zweig
  Giorno della Memoria. Serata colorata
  Giorno della Memoria/ Roberto Malini. Due poesie di Hannah Szenes
  Esther Ettinger. Una scala di filo spinato, deserta di ali
  Shoah. Vercelli commemora Irena Sendler, Giusta fra le Nazioni
  Giuseppina Rando. Rilevanza storica e psicologica degli scritti della Hillesum
  Giuseppina Rando. L’Europa plurale auspicata da Hannah Arendt
  Giuseppina Rando. A che vale ricordare?
  Poesia d'autore/ Avraham Shlonsky. Voto
  Anna Lanzetta. Il peso delle parole. Il valore della “storia”
  “Un, due tre” di Hannah Szenes
  Circolo Culturale Tresiviasco. “Giornata della Memoria 2015”
  Mauro Raimondi. La Giornata della Memoria, nel calcio
  Morbegno. Massimiliano Boni alla Nuova Libreria Albo
  Anna Lanzetta. Con il filo spinato nel cuore
  Milano. Poesia e impegno per ricordare l'Olocausto e dire basta all'odio
  La Shoah a Milano. E a scuola.
  Giovanni Palatucci: eroe o aguzzino?
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 72.6%
NO
 27.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy