Lunedì , 19 Novembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > AgriCultura > Cosa bolle in culdera
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gilberto Corbellini. Expo no-ogm, grave errore
27 Novembre 2013
 

Il primo ministro Enrico Letta avrebbe dunque ottenuto da Barack Obama che gli Stati Uniti siano presenti con uno stand a Expo2015. Alcune settimane fa avevamo scritto che gli Usa stavano valutando se partecipare o meno, e sembra che il capo del Governo abbia fatto il viaggio anche per evitare l'ennesima figuraccia e catastrofe preparata da politici, dirigenti e imprenditori egotisti. Chissà se mentre chiedeva un aiuto “politico”, il presidente Letta era informato che nel corso di un recente incontro a Doha tra le multinazionali dell'agroalimentare (tra cui quelle statunitensi), Expo 2015 sarebbe stata derubricata a evento commercialmente irrilevante. Domanda: dove troverà i soldi Obama (almeno 20 milioni di dollari) per realizzare il padiglione Usa, se gli industriali del settore agroalimentare di quel Paese non vedono un interesse economico? Expo 2015 sarà un fallimento.

A meno che non si cambi subito registro. Perché si deve essere incoscienti (non solo provinciali) per fare una fiera internazionale del cibo inneggiando solo al biologico e a pratiche agricole minimaliste, alle soglie di sfide planetarie proibitive per l'alimentazione e la salute. Idee che danno qualche profitto – peraltro poco rilevante sul Pil – solo in Italia! E tagliando fuori tutto il biotech, all'insegna di un NO ideologico (senza se e senza ma) agli Ogm. Mentre la Fao dice che per sfamare la popolazione che vivrà sul pianeta nel 2050 sarà necessario incrementare le rese agricole del 70%. In un Paese serio si dovrebbero ascoltare le analisi e i suggerimenti di veri esperti di agricoltura, come il presidente dell'Accademia dei Georgofili Franco Scaramuzzi, che ha stigmatizzato la miopia dei nostri politici e governanti su una materia cruciale per il futuro economico e alimentare dell'Italia e del mondo.

È raccapricciante pensare che Expozols sia stata messa, con scelte bipartisan da governi a parole sempre favorevoli al mercato e all'innovazione, nelle mani di cartelli commerciali tradizionalisti e assistenzialisti. I quali da decenni hanno falsificato la realtà dei problemi agricoli e alimentari causando danni epocali al Paese. Bugie che raccontano Slow Food, guidata dal modesto pensatore ma eccellente imprenditore di se stesso Carlo Petrini, e il tycoon di Eataly, Oscar Farinetti, che tutti corteggiano come se il suo business privato coincidesse con gli interessi dell'Italia tutta. Ma chi sta conducendo Expo 2015 verso il baratro è Coldiretti: nemesi dell'agricoltura italiana. Nonostante sia responsabile del declino dell'agricoltura e del fallimento di Federconsorzi, che è costato alle casse dello stato centinaia di milioni di euro, questa organizzazione privata continua a condizionare la politica agricola, manovrando la distribuzione di aiuti economici a discapito di qualunque incentivo alla produttività, alla competitività e alla valorizzazione del diversificato e straordinario potenziale insito nel sistema agricolo italiano date le condizioni geoclimatiche.

Eppure non mancano opportunità per sfruttare Expo 2015 con uno spirito innovativo e funzionale all'obiettivo di “nutrire il pianeta”, che è poi quello fondato su metodi scientifici che l'Italia in passato ha insegnato al mondo grazie a figure come Nazareno Strampelli o a Giantommaso Scarascia Mugnozza. Tantissimi agricoltori, soprattutto del nord, che non ne possono più del totalitarismo di Coldiretti, e chiedono, ai sensi della Costituzione, di esercitare il diritto di coltivare sui terreni di loro proprietà i prodotti economicamente più validi. Quindi anche Ogm. Una bella lezione di civismo è venuta da Silvana Dalla Libera e dall'associazione Futuragra, che forti delle sentenze che in sede europea hanno condannato l'Italia per l'ingiustificato ostracismo ideologico anti Ogm, hanno seminato mais Bt (cioè contenente un gene di Bacillus turingensis) sui loro terreni, ma in modo da consentire la raccolta di dati scientifici utili a capire l'impatto ambientale e i vantaggi.

Gli Agricoltori di Vivaro (Pordernone), investendo denaro privato e prendendosi rischi legali o di incolumità personale e patrimoniali, hanno fatto le veci di istituzioni statali pagate con le nostre tasse, ma che non svolgono i compiti che la Costituzione detta loro. E migliaia di loro colleghi sarebbero pronti a seguirli. I dati confermano la superiorità di un'innovazione, gli Ogm, con un potenziale di benefici illimitato. Anche per l'Italia, dove vivono quattro milioni di indigenti e oltre dieci milioni di poveri, che si sentono dire da Coldiretti che va pagato di più il cibo per permettere agli agricoltori di coltivare in modi sostenibili. Per chi? Forse per i due massimi dirigenti dell'organizzazione, i quali mentre predicano la decrescita del Paese percepiscono uno stipendio di circa 1,5 milioni di euro all'anno cadauno. Ancora. Possibile che nessuno provi un po' di disgusto morale giacché nei consorzi agrari gestiti da Coldiretti (che parla di contaminazione da Ogm) si vendono mangimi importati e derivati da quegli stessi Ogm e che ai nostri agricoltori è vietato coltivare? (Qui è possibile leggere le prove) Mentre il mais italiano deve essere venduto per fare biocarburante, in quanto appestato da parassiti e quindi tossico, gli agricoltori argentini o brasiliani che coltivano mais Ogm si arricchiscono.

 

Gilberto Corbellini

(da Il Sole 24 Ore, 28 ottobre 2013)


Articoli correlati

  Un tranquillo sabato di follia metro-politana (aprile 2010)
  Bernardo Gabriele Ferrari. Milano-Expo 2015
  Expo 2015. Non mancheranno i risultati, per il territorio e per tutto il Paese
  Expo 2015. Opportunità importanti per il nostro territorio
  Con Stefano Boeri incontri per Milano su EXPO e legalità
  In vista dell’Expo 2015
  Martina Simonini. Piramidi per l'Expo
  Martina Simonini. L’«allarme-promesse» e il tempo di reazione
  'L GAZETIN d'aprile. Fragrante viatico per l'Expo di Milano e per le amministrative di Sondrio
  Sandra Chistolini. Expo 2015 consegna al Pianeta la Carta di Milano
  Milano. Vie d’Acqua e Riaprire i Navigli: Non confondiamo il sacro con il profano
  Expo 2015: c’è anche la Valtellina
  Fiorello Provera. Expo 2015: «La promozione delle province lombarde attraverso la rete delle ambasciate e dei consolati di tutto il mondo»
  Via Lattea. A Milano, domenica 19 maggio
  Milano. Le stelle nella risaia
  EXPO 2015. Mozione del gruppo consiliare PD e la proposta di Boeri
  Martina Simonini. EXPO, TTIP e neoliberismi
  Expo 2015: per la Valtellina una grande occasione di crescita
  Anche in Valtellina la musica per l’Expo 2015
  Costruiamo un comitato regionale antimafia sull'Expo con nomi indiscutibili
  Radicali Milano. Chiediamo i Navigli, ci danno un Tubo...!
  Lorenzo Lipparini. Via d’acqua Expo ridimensionata: “sarà un Fosso irriguo”
  Marco Cappato. Ecco l'elenco delle ditte subappaltatrici del primo appalto Expo
  Benedetto Della Vedova. Italia “OGM free”?
  Ogm. Necessario studiarli, non demonizzarli!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 72.8%
NO
 27.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy