Domenica , 23 Settembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Boom delle aziende in Italia gestite da titolari extra Ue 
Integrazione virtuosa o inadeguatezza normativa? Interrogazione al Ministro dell'Economia e delle Finanze
03 Dicembre 2012
 

Stamane ho rivolto un'interrogazione al Ministro dell'Economia e delle Finanze riguardo quanto spesso evidenziano le cronache finanziarie in merito alla spregiudicatezza e manipolazione delle istituzioni pubbliche e finanziarie a fini di corruzione e riciclaggio. Parliamo di reati di particolare pericolosità sociale: non solo perché determinano distorsioni nell’economia legale, alterando la parità concorrenziale e l’efficacia dei controlli pubblici, ma, specie in periodi di crisi come quello attuale, perché possono giungere a incrinare la stessa fiducia dei cittadini nei valori democratici.

Da tempo la Corte dei Conti denuncia il rischio di assuefazione alla corruzione. Basti pensare che nei primi nove mesi del 2012, secondo un recente studio di Confesercenti, le imprese individuali con titolari extra Ue sono crescite di 13 mila unità, mentre tutte le altre hanno fatto registrare un calo di 24.500 unità.

Le imprese gestite da stranieri sono arrivate a produrre il 5,7% della intera ricchezza del nostro paese. Lo studio ci dice che, in dieci anni, il peso sul totale delle imprese, con titolari extra Ue, è passato dal 2% a quasi il 9%. Nel solo II trimestre 2012 le imprese individuali con titolare immigrato sono state valutate in circa 300 mila unità alle quali bisogna aggiungere i circa 120 mila soci stranieri.

L'interrogazione è stata presentata per chiedere:

- se il Ministro dell'Economia e delle Finanze ritenga adeguate le disposizioni previste e le modalità attivate dagli Istituti di credito riguardanti l'adeguata verifica della clientela ai sensi della disciplina antiriciclaggio, viste le rilevanti dimensioni del fenomeno recentemente riscontrato in Italia di imprese individuali con titolari extra Ue e quindi sconosciuti;

- se per questa fattispecie di soggetti sia effettivamente possibile accertare lo scopo e la natura dei rapporti e delle operazioni fatte;

- se ritenga utile prevedere ulteriori controlli anche da parte degli Uffici competenti e dall’Agenzia delle Entrate all’atto dell’apertura della partita Iva.

 

Donatella Poretti

 

Qui il testo dell'interrogazione


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.5%
NO
 23.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy