Giovedì , 23 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Le mie litigate “storiche”/ 2. Analisi del voto
(Casa internazionale delle donne, womennews.net)
(Casa internazionale delle donne, womennews.net) 
24 Agosto 2017
 

Le litigate storiche si susseguono, appena mi accorgo che il voto delle donne non viene analizzato per sé, ma sempre aggregato di fatto a quello maschile. Né si dice mai quanti posti di elette vengono fuori dal fatto che le elettrici sono -fin dal citato referendum monarchia/repubblica- più degli elettori, ma gli eletti straordinariamente di più delle elette. Invece di analizzare che strumenti si potrebbero indicare per correggere la stortura nella rappresentanza di genere, essa viene di fatto convalidata e accolta (dagli analisti maschi, donne analiste non ci sono e nessuno cerca di capire perché). Una azione decisa per introdurre correttivi nella rappresentanza fu condotta alla Costituente dalle deputate, senza distinzione di partito, ma non fu ricevuta, non divenne costume, sebbene la forma dell'art. 3Cost., obblighi la Repubblica a “rimuovere gli ostacoli” che impediscono di fatto l'eguaglianza tra i generi. Sarebbe uno dei primi correttivi da introdurre nella Costituzione. Lo segnalo per il movimento a ciò dedicato, dopo il successo conseguito nel referendum del 4 dicembre 2016 dal NO.

 

Invece di un corretto cammino costituzionale, le vicende politiche italiane imboccano la strada detta della parità, con la quale si spingono le donne ad ottenere diritti simili a quelli che via via gli uomini propongono e approvano per se stessi. Questa pratica si chiama emancipazione e indica le donne emancipate come modello politico costituzionale. Qui capita un fatto molto rilevante e cioè che le donne sono per condizioni storiche e tradizioni culturali sfavorite e inferiori nel nostro paese, e appena si affievolisce la memoria della Resistenza, vengono riprese appunto dalla tradizione. E si fanno passi indietro. Ho spesso narrato un episodietto capitato a me e lo faccio anche questa volta, perché le condizioni generali non sono mutate. Mi capitava spesso di obiettare a chi mi diceva: “Voglio fare tutto ciò che gli uomini fanno”: “ma anche le scemate?” e alle esitazioni di qualcuna, cercavo di insinuare l'obiezione detta tecnicamente “cruciale”, che obbliga a rispondere come vuole chi pone la domanda. “Ma se tu sei contro la pena di morte -per esempio- ti impegni prima per abrogare la pena di morte, o prima -per la parità- chiedi l'accesso anche delle donne alla carriera di boia?” E con mio stupore mi fu risposto: “prima per la parità, la carriera di boia”. Sicché continuando a dire che viviamo in una società di merda, ci battiamo per raddoppiarla. Bisogna mutare ben più di alcuni importanti particolari, bisogna trovare fondamenta teoriche “altre”, autonome, credo. Ci sto provando e lo dirò prossimamente...

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy