Sabato , 06 Marzo 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Lisistrata
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Lidia Menapace. Per non perdere il filo...
26 Giugno 2015
 

Mi sono spesso chiesta come oggi -in una situazione così pericolosa e piatta insieme- si possa risvegliare l'interesse politico e la connessa azione.

Mi sono detta che intanto è molto utile, visto che il 70° della Resistenza ha avuto e sta avendo una forte risonanza e un permanente interesse, non lasciarlo spegnere. Non è utile sperare che lo si possa riaccendere per l'80°, se non si mantiene viva la memoria che quest'anno pare essersi accesa. Mi spiego: facciamo un bilancio di ciò che sta avvenendo: noto, ad esempo che vengono rilette o pubblicate molte nuove ricerche sui fatti dal '43 al '45, con intenti storici precisi e politici non meno forti. A mio parere questa è la strada giusta, non sarebbe possibile né utile costruire una ricorrenza burocratica e rituale, che ben presto diventa una noiosa "messa cantata". Invece proporsi di alimentare una conoscenza sempre più capillare e specifica di singoli eventi persone storie arricchisce la data, le dà consistenza e carne, vitalità e interesse. Si verrebbe così rafforzando l'ipotesi storiografica che, essendo la Resistenza un unicum nella nostra storia nazionale, servono pure strumenti metodi e prospettive storiografiche proprie per mettere insieme una storia scientifica di quel periodo, il che non significa spegnere domande magari anche polemiche e dibattiti, ma invece accoglierli come sfida interpretativa permanente.

Dopo questa ambiziosa premessa (che ho già spesso anticipato commentato esposto durante le molte presentazioni del mio Io, partigiana. La mia Resistenza), mi propongo di avviare un servizio bibliografico ragionato a partire da testi recenti o meno che illustrano figure eventi domande su donne che ne fecero parte. Una delle questioni rimasta senza risposta in questi primi 70 anni dopo i fatti, è appunto la conoscenza di quello che vien detto "ruolo presenza partecipazione" di donne ad essa. Rientra nell'impostazione generale della storiografia, che -pur prendendo come base la specie umana, fatta maggioritariamente da donne- assume come soggetto autonomo solo il maschile. Documenta il femminile sempre interrogativamente, in modo aggiuntivo, inessenziale. Per poter respingere questo atteggiamento serve certo la denuncia della sua intrinseca parzialità, ma perché non resti puramente esigenziale, serve -subito dopo- la raccolta lettura divulgazione del materiale documentario ad hoc.

Lo verrò facendo dalla prossima puntata a partire da "Piccola staffetta": a presto

 

Lidia Menapace


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy