Venerdì , 25 Settembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Rimeditazioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Distinguere tra famiglia e familismo 
E la Madonna in vignetta ed Eugenio Scalfari anticlericale…
28 Settembre 2007
 

La storia da cui provengo e le vicende che hanno segnato la mia vita, mi portano ad avere in grande considerazione l’autonomia dell’Ordine giudiziario. Ciò non toglie che talune sentenze di qualche tribunale mi lascino a dir poco perplesso. L’ultima è quella che manda assolti gli autori di una satira che ha per oggetto la Madonna. La perplessità riguarda la motivazione, in se stessa ineccepibile: la Madonna non fa parte della divinità. Qui però è in gioco non la divinità, ma il rispetto dovuto ad una fede e non importa che siano tanti (lo sono di fatto) o pochi a praticarla. Ciò, a sua volta, non toglie che la fede e quanto la riguarda, non possa non essere sottoposta ad una critica anche radicale, oltre che, naturalmente, ad una critica dal suo interno. Chi mi conosce non può aver dubbi al riguardo.

* * *

Il Family Day (a proposito, chi se ne ricorda più?) ha lasciato aperti molti problemi e, d’altra parte, non poteva essere che così, visto l’empito retorico dominante e il plauso ostentato da parte di chi dovrebbe, per onestà, tenersene lontano, vedi, tanto per far un esempio, Berlusconi e Casini.

Come occorre distinguere tra il naturale amore per la propria patria e il nazionalismo, che è stato poi all’origine delle due guerre mondiali, così bisogna innanzi tutto distinguere tra famiglia e familismo. Chi più familista della malavita organizzata, della mafia, della ‘ndrangheta, della camorra? Il “tengo famiglia” è all’origine del proverbiale distacco dall’impegno pubblico.

Sulla crisi della famiglia bisogna discutere senza paraocchi, ed è questo un compito che riguarda tutti, Chiesa compresa. Basti, tanto per cominciare, un’osservazione. Nel corso dei secoli, anche dei secoli cristiani e tanto più di quelli biblici, la voce famiglia, o altre equivalenti, ha coperto una grande varietà di forme. Bisognerebbe anche mettere nel conto l’infinita capacità dell’annuncio cristiano, non solo di adeguarsi, ma di coniugarsi fecondamente con le cangianti realtà della storia. O vogliamo mettere tutto questo sotto l’insegna del relativismo? A me pare il contrario: dar senso alle cose che cambiano da una parte, e dall’altra riconoscere, appunto, l’infinita capacità di incarnazione del messaggio cristiano.

Una nota a parte meriterebbe questa denominazione: Family Day. Anziché soggiacere a un vezzo, non si poteva dirlo all’italiana?

* * *

C’è il carisma delle persone e c’è il carisma dei luoghi. Ognuno, con più o meno avvertita coscienza, ne ha fatto esperienza, anche se non è facile ricostruire il prodursi di tale fenomeno, soprattutto per quel che riguarda i luoghi. Penso al più vicino di questi, a portata di mano o, meglio, di piedi: il mio san Remigio, o Romedio, o, più familiarmente, Rumedi. E dico mio non nel senso di proprietà, ma di particolare predilezione. Ci sono stato la prima volta a nove anni, con due compagni di allora: Ugo Azzoni e Titi Ferrari. Ricordo che abbiamo passato la notte in un fienile, cosa, allora, di ordinaria amministrazione sulle nostre montagne. Quel primo approccio ha lasciato nella mia fantasia un segno profondo, che mi ha accompagnato durante i lunghi anni di forzata lontananza. Il legame con san Remigio ha finito con l’attraversare molte delle mie amicizie, vicine e lontane. Il discorso sarebbe lungo. Mi basti per ora accennare a una delle componenti di un tale carisma: l’essere in alto quel tanto che basta per sentirci al di sopra dei confini che ci hanno divisi.

* * *

Gli sfoghi anticlericali a cui sempre più spesso si abbandona negli interventi domenicali sul giornale da lui fondato, La Repubblica,* non fanno onore all’intelligenza di Eugenio Scalfari. L’intelligenza di uno che ce l’ha fatta, dopo altri tentativi falliti, a mettere in campo un quotidiano in grado di contendere il primato nelle vendite al Corriere della Sera. Clericalismo e anticlericalismo per me vanno a braccetto e ci riportano indietro di più di un secolo. Non mancano esempi storici di figli della Chiesa che hanno saputo rinfacciare alla stessa le sue malefatte senza bisogno di aggregarsi al carro degli anticlericali. Lo stesso Dante, da lui citato nel titolo del suo editoriale di domenica 5 agosto, non ha esitato a collocare nel profondo dell’Inferno un papa di grande rilevanza come Bonifacio VIII. Ma gli esempi si potrebbero moltiplicare, arrivando fino ai nostri giorni. C’è una libertas ecclesiae, ma c’è anche una libertas del fedele. Fu niente meno che un insospettabile Pio XII a rivendicare in un suo discorso, il diritto ad un’opinione pubblica all’interno della Chiesa. Quanto ci siamo andati allontanando, negli ultimi decenni, da questa liberalità genuinamente cristiana.

 

Camillo de Piaz

(da Tirano & dintorni, settembre 2007)

 

 

* Proprio oggi, 28 settembre, su La Repubblica parte un’inchiesta su quanto ci costa il Vaticano: passaparola e passa all’edicola! (Red.)


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy