Mercoledì , 26 Settembre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Sport e Montagna > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
La poesia dello sport 
di Mauro Raimondi
27 Novembre 2017
 

«Ecco lo sport celebrato dai versi di Alberto Figliolia, versi di un autore che conosce il segreto profondo della narrazione; una narrazione che sorprende, illumina, tra tenerezza e saudade».

Non ci sono parole migliori di quelle scritte da Darwin Pastorin per inquadrare il bellissimo libro di Alberto Figliolia, Cieli di gloria, recentemente pubblicato dalle Edizioni Il Foglio (12 euro).

A tredici anni dal fortunato Una curva nel cielo (Apollo e Dioniso Editori), il giornalista free lance, scrittore, animatore insieme a Silvana Ceruti del laboratorio di scrittura creativa del carcere di Opera, accantona per un momento gli haiku, la poesia civile e metropolitana. E ritorna ad una delle sue tante passioni, lo sport, con una raccolta di vecchie e nuove poesie. Trentatré, in cui celebra altrettanti protagonisti italiani e non delle più svariate discipline come alpinismo (Messner), ginnastica (Jury Chechi), automobilismo (Arcari), ciclismo (Binda e Girardengo, Gimondi e Merckx, Coppi e Bartali), atletica (Bikila, Zàtopek, Mennea…), pugilato (Muhammad Ali, Primo Carnera…). Senza dimenticare l’amata pallacanestro, che l’ha visto anche allenare squadre della periferia milanese “unendo – parole sue – la passione dell’insegnante con i concetti di agonismo, democrazia e solidarietà”.

La parte del leone, comunque, la fa il calcio, con i ritratti di campioni che, con la magia dei versi, assumono vesti inedite, si illuminano di squarci di verità insospettabili. Combi diventa così “il padre di tutti i portieri”; Sandro Mazzola ha un dribbling come lo “zigzagare di un fulmine… lo scorgi un attimo e nulla più”; Meazza è il “Balilla, vecchio ragazzo di ricordi in dialetto brillanti e corrosi”; Cruijff assume le sembianze di Gaudì, Rembrandt, van Gogh, Vermeer; il brasiliano Rivelino è un “gatto divino, i tuoi adoratori ardevano allorché palleggiavi a piedi nudi, solo in mezzo al prato, con due nuvole a vagare nel cielo sterminato”.

E poi Benito Veleno Lorenzi, Valentino Mazzola, Gigi Meroni, la lunga poesia dedicata all’altrettanto quasi interminabile carriera di Gianni Rivera: “Golden Boy, Mandrogno, Nato a Betlemme, Abatino... In mille modi ti hanno definito, Gianni, ma come si può inquadrare la fantasia? Quali sono i suoi confini?”

Per finire con un giocatore forse minore ma che per Figliolia ha rappresentato un vero idolo adolescenziale, l’interista Renato Cappellini: “Rincorrevo i sassi per strada e li calciavo come pensavo solo tu sapessi fare. La tua figurina tenevo perennemente in tasca o attaccata alle bretelle, strano e giocoso residuo di un tempo andato, come un santino, di giallo bordata, per avere sempre il tuo sorriso sullo sfondo azzurro di un cielo lontano”.

Ogni poesia è seguita da una scheda che, pur nella sua sintesi, esalta anche le qualità di un narratore sempre fantasioso, spesso divertente, generoso, dal vocabolario ricco e seducente.

Per concludere, ripartiamo dall’inizio, dalla prefazione di Pastorin: «Ci voleva un poeta vero, ardente, capace di cesellare parole e ricordi, per mettere in versi quei nomi che ci fanno esaltare, commuovere, recuperare, ancora appassionare: un poeta come Alberto Figliolia. Queste poesie sportive, con ogni protagonista accompagnato da una biografia sentimentale, rappresentano un conforto per la mente e per il cuore, scandiscono il tempo della nostalgia».

Saludi.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.5%
NO
 23.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy