Martedì , 26 Marzo 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “Santiago, Italia” di Nanni Moretti
16 Dicembre 2018
 

Un film documentario si presta a due diversi tipi di valutazione: una valutazione storica (che, per esempio, considera la veridicità del racconto, la sua completezza, se faccia luce su aspetti inediti di fatti già noti) e una valutazione artistica.

Anche in questo secondo caso è considerata la “verità” del racconto documentaristico, ma in un senso diverso. Quel racconto sarà ritenuto bello, in primo luogo se riuscirà a essere “vero in sé stesso”; se cioè è così vivido, se le emozioni e i sentimenti che lo percorrono sono evocati con tale precisione, con tale intensità, che i fatti e i personaggi raccontati risulterebbero comunque veri, anche se, paradossalmente, non fossero mai esistiti.

Ora, il documentario che Nanni Moretti ha dedicato al colpo di Stato avvenuto in Cile nel 1973, che, come è noto, ha rovesciato il governo, democraticamente eletto, di Salvador Allende e ha instaurato in Cile la dittatura militare, si riferisce a fatti che sappiamo veri; per illustrarli, ricorre a immagini d'archivio, che non sono dunque ricostruite come in un film di finzione; e soprattutto ricorre alle parole di testimoni delle vicende raccontate: in gran parte attivisti, sostenitori del partito e del governo socialista di Allende, che, da un giorno all'altro, con l'interruzione delle libertà democratiche, si sono ritrovati a essere perseguitati politici (ma sono interpellati anche, sul fronte opposto, due esponenti dell'esercito).

Ora, il merito principale del film di Moretti è che la vicenda è raccontata in modo tale che non risulta un reperto storico; è resa attuale perché è fatta rivivere allo spettatore, che, per esempio, sente risuonare dentro di sé lo sconcerto di fronte a un evento sciagurato e inatteso come il bombardamento del palazzo della Moneda, la sede del governo; e poi l'angoscia di chi veniva condotto prigioniero allo Stadio Nazionale senza alcuna idea di ciò che gli sarebbe potuto capitare; e poi la paura, il terrore, di chi, imprigionato nei locali dello Stadio, udiva le urla di altri prigionieri torturati.

Insomma: le memorie dei testimoni sono qui così evocative, si fa in modo che si completino l'un l'altra con tale sapienza, che rendono a chi li ascolta quei fatti, oltreché chiari, emozionanti e imprevedibili, come se si stessero svolgendo sotto i suoi occhi.

Ed è certo imprevedibile, un risvolto, quasi surrealistico, fantastico, dei loro racconti.

In una Santiago trasformata in un carcere a cielo aperto, dove si rabbrividisce di notte ascoltando, dal proprio appartamento, lo squillo di un citofono, perché quello squillo può essere l'annuncio di una deportazione senza ritorno, ecco: basta scavalcare un muretto, non troppo alto e nemmeno impervio, in un momento in cui non c'è un soldato a sorvegliarlo, per ritrovarsi in una dimensione opposta: un parco, una piscina intorno alla quale gli ospiti prendono il sole, un palazzo dagli ampli saloni. È la sede dell'ambasciata italiana, che dà rifugio ai perseguitati cileni che a lungo conviveranno al suo interno, e che saranno poi fatti emigrare in un'Italia che garantirà loro un lavoro per tutto il tempo in cui durerà la dittatura in Cile.

La morale che sottostà all'intero racconto è sfaccettata ed evidente. In primo luogo è un monito, sulla preziosità e la precarietà della democrazia. Poi è l'elogio di un'Italia allora solidale e accogliente, contro un'Italia di oggi forse più egoista e più cinica.

Ma se questi e altri significati risultano incisivi, è perché prevale nel film, più forse che in ogni altro film di Moretti, il puro piacere di raccontare una bellissima storia.

Senz'altro da vedere.

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della puntata di “Cinema e cinema”
trasmessa da Radio Radicale il 15 dicembre 2018
»» QUI la scheda audio)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy