Martedì , 23 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > In tutta libertà
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gianfranco Cercone. “Unsane” di Steven Soderbergh
18 Luglio 2018
 

Ci sono dei film che sembrano centrati, più che intorno a un personaggio, o a una “trovata” narrativa, o a un tema, intorno a qualcosa di più sfuggente, come uno stato d'animo.

Per esempio: Unsane, un film sperimentale, girato interamente con un I-phone, di un autore, Steven Soderbergh, che ha anche realizzato prodotti hollywoodiani di successo come Ocean's eleven; ebbene Unsane è tutto centrato intorno a uno stato d'animo morboso, a un senso di ossessione angosciosa, di chi, a torto o forse a ragione, si sente perseguitato da forze oscure e potenti.

La protagonista della vicenda è una ragazza che è stata effettivamente perseguitata da uno stalker, un uomo di cui lei non ha mai ricambiato l'amore, ma che per mesi, per due anni, ha continuato a inviarle messaggi d'amore, a pedinarla, tanto da costringerla a cambiare abitudini, a cancellarsi dai social network, perfino a trasferirsi.

Ma questa reale persecuzione appartiene all'antefatto della vicenda, la quale invece inizia dal momento in cui la stessa ragazza, divenuta una professionista in carriera, in seguito al colloquio con una psichiatra alla quale aveva confidato di soffrire di fantasie di suicidio, è internata contro la propria volontà in un istituto psichiatrico, dove scopre che uno degli infermieri è proprio il suo stalker, che ancora non si è rassegnato, e che anzi approfitta del suo ruolo, della vicinanza con la sua vittima, per indurla finalmente a cedergli.

Ora, la coincidenza dell'incontro è così improbabile – essendo del tutto inverosimile che l'infermiere abbia potuto determinare quel ricovero forzato – che a lungo si è indotti a credere che ciò a cui assistiamo non sia che un'allucinazione della protagonista; che l'ossessione persecutoria dello stalker abbia prodotto in lei come per contagio un'ossessione di segno contrario, quella appunto di essere perseguitata.

È vero che a dare una parvenza realistica alla circostanza, l'autore introduce verso la metà del film un tema che sembrerebbe di denuncia: la questione dei ricoveri forzati, eseguiti in malafede, per ottenere i rimborsi delle assicurazioni sanitarie.

Ma è un tema che si colora di quella tinta ossessiva, “paranoide”, che predomina nel racconto, cosicché lo spettatore ignaro della questione, non saprebbe se prestare fede alla denuncia o considerarla anch'essa una componente fantastica.

Soderbergh anni fa aveva diretto un interessante film su Kafka.

E la vicenda della ragazza sana, o che si crede tale, imprigionata in un manicomio, dove, rifiutando la compagnia dei veri pazzi che la disgustano; ribellandosi anche violentemente agli infermieri; protestando con toni sempre più patetici la propria salute mentale, finisce per avvalorare il giudizio di chi la ritiene pazza; è una vicenda, un percorso, che possono ricordare alla lontana la storia del romanzo di Kafka Il processo, dove, come si sa, un innocente è travolto da un meccanismo giudiziario imperscrutabile e incontrollabile, fino all'esecuzione capitale.

Però se la vicenda del protagonista del romanzo di Kafka serviva anche ad analizzare l'intimità del personaggio, per esempio a individuare il suo radicato senso di colpa, la psicologia nel film di Soderbergh è a tinte forti, un po' grossolana, fumettistica, quella che si trova spesso impiegata nei cosiddetti “thriller psicologici”.

Tuttavia, la pittura d'ambiente, per esempio l'ambiente dell'istituto psichiatrico, dove il paziente è trattato con condiscendenza, con scetticismo, come se il fatto di essere malato lo mettesse un gradino al di sotto degli altri uomini; oppure il ritratto dello stalker: infido, violento, ma anche mellifluo, sottomesso alla sua vittima fino all'abiezione, sono momenti riusciti che dimostrano l'abilità, la maestria, che già riconoscevamo a Soderbergh.

E l'ottima resa visiva, ottenuta con l'I-phone, con il quale il film è stato interamente girato, sono la prova che oggi il cinema potenzialmente è davvero alla portata di tutti.

 

Gianfranco Cercone

(Trascrizione della puntata di “Cinema e cinema”
trasmessa da Radio Radicale il 14 luglio 2018
»» QUI la scheda audio)


 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy