Venerdì , 23 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Dialogo Tf
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
L'importanza dei difensori dei diritti umani in quest'Italia di barbarie istituzionale 
di Roberto Malini
30 Gennaio 2019
 

Genova – Chi aiuta i migranti e i rom era già dossierato durante i governi precedenti, noto alle forze dell'ordine alla stregua di un asociale, censurato dai principali quotidani (e non parliamo delle televisioni), bannato dagli eventi istituzionali – naturalmente di facciata – dedicati ai diritti umani e alla Memoria dell'Olocausto. Un ostracismo che risparmiava solo le associazioni indifferenti alle politiche intolleranti, ma anzi ben inserite nel tessuto partitico. E le organizzazioni di tipo politico, che organizzano – lodevolmente – manifestazioni e cortei che tuttavia sono scollati dalla realtà di chi è perseguitato.

Oggi le cose sono ulteriormente deteriorate e i difensori dei diritti umani operano in un clima marcatamente ostile. Aiutare i migranti perseguitati è considerato un atto di inimicizia verso il governo italiano. Risentono di questo clima anche la rete locale dei Cara, degli Sprar, i filantropi e i sacerdoti che non abbandonano gli ultimi a un destino di precarietà. Oggi la civiltà è in una fase di barbarie e misure sempre nuove contro gli stranieri poveri avanzano al passo dell'oca. E a causa degli accordi iniqui con la Libia, che il nuovo governo ha reso ancora meno umani, nonché dalla chiusura dei porti, l'85 per cento di chi parte dalla nazione nordafricana è intercettato dalla guardia costiera e ricondotto indietro, incarcerato e sottoposto a trattamenti inumani e degradanti, con poco cibo, poca acqua e gravi epidemie in corso fra gli internati.

È così da quando l'Italia ha chiuso i suoi porti. Questo però non è il momento di farsi spaventare e di arrendersi. È invece il momento di intensificare l'assistenza ai migranti e ai senzatetto, di documentare le nefandezze istituzionali e riportarle agli organismi giuridici internazionali. Di essere uniti (anche se la figura del difensore dei diritti umani tende ormai a diradarsi e scomparire dal nostro paese a causa della repressione di stato) per resistere attraverso il supporto umanitario a chi è vessato dalle istituzioni e dagli intolleranti, la diffusione di informazione veritiera, gli appelli e le denunce presso le sedi giuridiche internazionali.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy