Domenica , 03 Marzo 2024
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
Yoani Sánchez. Breve incontro con Mariela
 
Commenti presenti : 2 In questa pagina : da 1 a 2
   16-12-2008
x luigi de forte
non preoccuparti se parli male della rivoluzione qui non verrai mai censurato...prima della rivoluzione le scuole e gli ospedali neanche esistevano, avranno l'alcol ma non hanno la droga che c'è nella nostra bella società...quindi ricapitolando il 70% dei cubani nasce sotto l'embargo usa,
nessun bambino cubano è costretto a lavorare e nessuno muore di fame e non hanno neanche la social card che abbiamo noi...fai un po tu...
aris   
 
   12-12-2008
generalizzando su cuba il margine d'errore è minimo.
il 70% dei cubani nasce dopo il 1959(anno della rivoluzione),pertanto un intero popolo è stato fin dalla nascita assoggettato alle rigide regole del regime.
le scuole del regime,dal programma lacunoso per i colpi d'accetta della rivoluzione,(eliminato tutto ciò che dava fastidio),hanno sfornato,generazione dopo generazione,blocco dopo blocco,un esercito di studenti,futuri cittadini che avevano imparato a scrivere,ma non liberamente,a leggere,ma non quello che volevano,a studiare,ma non a pensare.
questo l'oscuro e scientifico "modus operandi" in vigore per 50 anni a cuba.
a questo vanno aggiunti:
la dedizione all'alcol che ha scaturito in una forte violenza domestica,
il maschilismo tipico di quell'area che ha favorito i maltrattamenti sulle donne e la persecuzione degli omosessuali,
l'approccio disinvolto al sesso che è sfociato in una dilagante e volgare prostituzione,
e la cronica apatia che ha devastato la già fragile economia(lo stesso castro ha dovuto inasprire le sanzioni per chi si assentava dal luogo di lavoro o per chi vagabondava).
la miscela è esplosiva,gli effetti catastrofici,il risultato:cuba.
per quanto mi riguarda,mi fermo qui,quello che volevo dire l'ho detto,grazie per avermelo concesso senza censure e limiti.
ho voluto spostare l'asse del discorso su cuba ,da quello politico(abituale),a quello etico-morale,terreno più scivoloso e per il quale l'accusa di razzismo è sempre facile.
luigi de forte

luigi de forte   
 
| 1 |
Lascia un commento
STRUMENTI
Versione stampabile
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
I NOSTRI ARTICOLI
  I più letti
  I più commentati
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 72.4%
NO
 27.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy