Martedì , 02 Giugno 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
Agustín. Le cose più importanti
Traduzione di un ‘comic educativo’ giunto a “Tellusfolio” dalla Colombia
 
Commenti presenti : 1 In questa pagina : da 1 a 1
   27-03-2020

“… È come se la prevenzione del contagio ci aiuti a vedere le cose più importanti.
Speriamo che quando tutto questo sarà finito non dimenticheremo”. E’ esattamente questa la cosa più importante, ma sperare non è sufficiente. Occorre perseverare: nell’operatività, quotidiana e/o straordinaria, correlata ai propri compiti - di genitori, insegnanti, psicologi, operatori sociali… - ed alle buone politiche ispirate ad un civico sentire. Un’operatività consapevole (per chi scrive, il richiamo è alla pedagogia Steineriana, ma molte altre hanno pari idoneità) caratterizzata da un lavoro, personale che diventa collettivo, sempre più da supportare per il tramite di collaborazione e dialogo - seppur al momento solamente telematico - che coinvolga tutti i diretti interessati: genitori, docenti, operatori del mondo dell’editoria e del giornalismo di settore, specialisti vari. Tutti membri della ”organica” comunità degli educatori; pur avendo ogni componente di questa comunità, specifiche competenze, peculiari fini da raggiungere, come ricordatoci dall’apologo di Menenio Agrippa:
«Un giorno i Plebei si ribellarono, lasciarono Roma e si recarono a vivere su un’altura, detta Monte Sacro. I patrizi capirono ben presto che senza i Plebei la vita era impossibile, perché non vi era più chi coltivasse la terra, chi cuocesse il pane e chi potesse fermare il nemico in caso di guerra. Fu deciso di mandare alla plebe come parlamentare un vecchio patrizio, il senatore Menenio Agrippa uomo giusto e amato da essi, con il compito di persuaderli a ritornare in città. Menenio Agrippa, giunto in mezzo ai Plebei raccontò loro un apologo, cioè una favola istruttiva. Disse cosi: "Una volta le braccia, le gambe, la bocca e i denti decisero di non lavorare piu'per lo stomaco, che si nutriva e restava in ozio. Smisero di lavorare; così lo stomaco restò vuoto. Dopo alcuni giorni, le gambe e le braccia si accorsero che non potevano più muoversi, tanto erano diventate fiacche. Allora compreso che anche lo stomaco lavorava ed era proprio lui a dar loro forza e vita, restituendo, in forma di sangue, quel cibo che essi gli avevano con fatica procurato»'.
Bella iniziativa questa del comic educativo Agustin, sicuramente da ancor più implementare. Complimenti e grazie al Professore, colombiano, Alexander Ruiz Silva.
Gregorio Maria Pagano

Gregorio Maria Pagano   
 
| 1 |
Lascia un commento
STRUMENTI
Versione stampabile
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
I NOSTRI ARTICOLI
  I più letti
  I più commentati
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy