Giovedì , 11 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
Enrico Marco Cipollini. Un pensatore moderno della era industriale: Francis Bacon
 
Commenti presenti : 3 In questa pagina : da 1 a 3
   19-08-2014
Francis Bacon lo scopro col Professore Enrico Marco Cipollini perché non ricordo che mi fu trasmesso dai miei professori.Ho letto con tanto interesse questo articolo che trovo centrale nello spiegare l'evoluzione della Scienza e della tecnica staccandosi da ogni dogmatismo.Mi ha colpito questo passaggio "Egli esalta i progressi tecnici, le invenzioni e questo lo porta ad affermare che coloro che ci hanno preceduti sono stati “i bambini agli albori del mondo”. Noi, invece, che abbiamo ereditato l'esperienza dei tempi, siamo i veri vecchi, gli antichi." che rivela quanto ogni invenzione sia per se innovatrice e superabile. E aggiungerei che la scienza deve restare al servizio dell'umanità riprendendo questo suo passaggio "La nuova “logica” non deve essere “verbale” ma “operante”; deve dominare la Natura con il felice incontro della natura della mente con la natura delle cose".Leggendo è tornato a galla un libro che mi colpi' adolescente di Aldous Huxley "Le meilleur des mondes ". Quando il progresso esacerbato porta a scarificare i rapporti naturali e sociali purificando,isolando, distruggendo deve essere ripensato ad ogni costo e non secondo il potere deviante che scorda non solo il futuro ma anche il presente.Laura Klemm
Klemm Laura   
 
   15-08-2014
Un`ottima sintesi del pensiero del filosofo inglese.
Valeria Borgia   
 
   14-08-2014
” Bacon non disprezza la tradizione ma il fanatismo” Questo mi colpisce più di ogni altra considerazione perché così attuale nel campo scientifico, filosofico, politico. Sulla politica sorvolo perché palese anche agli occhi più miopi Per il resto dovrò poggiare sui mie ricordi di antico e povero studio. Non so bene se è pertinente, ma ricordo del suo pensare la superstizione come potere della Chiesa sul popolo non acculturato, diciamolo bene, analfabeta. Ricordo il suo definirci “antichi” per la conoscenza accumulata nei secoli passati e che fanno nativi e moderni i nostri modelli “antichi” perché privi di esperienza. Ecco, l’esperire, nella scienza e nella natura.Egli ci rappresenta un articolato metodo incentrato in un processo di conoscenza della natura che possiamo definire scientifico dunque ripetibile, diversamente non c’è scienza scientifica. Solo pensiero,disputa, speculazione. Nella ripetizione la natura, la scienza e la loro osservazione trovano un dominio in applicazioni utili all’uomo.Questi sono i miei ricordi e non so se si sposano con la discettazione di Enrico Marco Cipollini, ma baconianamente sperimento. Grazie Enrico di farmi faticosamente precipitare nei ricordi più riposti della memoria. Che esperimento !!!

Federica Bonzi   
 
| 1 |
Lascia un commento
STRUMENTI
Versione stampabile
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
I NOSTRI ARTICOLI
  I più letti
  I più commentati
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy