Martedì , 17 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
I.T.C.G. “P. Saraceno”, Morbegno. “A cento passi... da casa nostra”
Simulazione processuale a cura degli studenti e tavola rotonda: mercoledì 30 maggio la 'tradizionale' manifestazione a consuntivo d'anno
 
Commenti presenti : 2 In questa pagina : da 1 a 2
   28-05-2012

I giovani ci insegnano: cambiare si può

L’Italia sta vivendo uno dei periodi più bui della sua storia. La violenza incombe a tutti i livelli della vita di relazione. La violenza fisica annichilisce, quella verbale offende con un uso improprio della parola e del gesto. Un clima di paura si è instaurato nel paese, il terrore di ciò che è nascosto e che potrebbe esplodere. La preoccupazione di non farcela lacera la quotidianità. L’economia va a rotoli e non lascia nessuna speranza di ripresa. Soltanto i giovani reggono con forza e coraggio, con la caparbietà di chi lotta tenacemente contro un sistema che ne ha annientato e che ne annienta ogni aspettativa. I giovani rivendicano i propri diritti e lottano per una società migliore. Ci insegnano che insieme si può cambiare e capire chi siamo, da dove veniamo e dove vogliamo andare. La Storia nutre i giovani con i suoi archetipi, esempi di moralità e rettitudine e nulla indulge al parassitismo, ai facili guadagni, alla segmentazione sociale. Il sistema educativo, fondamentale per la formazione, attinge dalla storia passata e presente esempi per discernere il bene dal male e risvegliare lo “spirito di operosità” e il senso di rettitudine.
Intorno ai giovani che muoiono vittime di menti malate, i giovani reagiscono con pudore, con dignità e con forza. I giovani, sono la nostra risorsa, gli unici capaci con la loro lungimiranza di demolire i pericoli reali e ideologici, di lottare contro chi si è adoprato con ogni mezzo per cancellare virtù, valori e tradizioni immemore della “coscienza” alla quale i giovani si appellano; la “coscienza”, nostro alter ego che attraverso voci illuminanti, ci richiama ai doveri del vivere civile e al senso di umanità e di umiltà.
Il malessere che ci opprime è inquietante. Tutto sembra crollarci addosso in un clima di violenza perpetrante. Bambini martoriati. Giovani falcidiati. Diversi perseguitati. Donne uccise e violentate. Disperati e suicidi. Una povertà dilagante che colpisce inesorabile. Tutto ci richiama una notte profondamente buia dove nessun bagliore si intravede e la malinconia regna sovrana. Anche la natura è risentita. Crollano i muri, e ai morti e feriti si aggiunge la perdita del nostro patrimonio artistico. La “fame” si erge accusatoria contro chi sperpera impunemente e miete vittime. E in tale stato, i giovani sono la nostra unica luce. Operano tra mille difficoltà, crescono in sapere e si attivano tra indigenze e disillusioni continue. Lavorano nel sociale, lottano contro la criminalità e partecipano attivamente perché nulla sia dimenticato. Guardano ai più deboli e attuano nelle scuole progetti per educare alla LEGALITÁ, fonte di educazione e di crescita morale, in nome di chi per essa è morto, perché nulla sia dimenticato.
Stretti in un abbraccio comune, i giovani si rivolgono a noi, per dirci che un domani diverso è possibile; a noi, colpevoli di non averli saputo tutelare. Sono loro oggi a impartirci lezioni di vita; sono loro, portatori di nuove ideologie per un progetto di vita sostenibile. Sono loro ad agire senza lasciarsi facilmente strumentalizzare. Mai come in questo momento la parola “rispetto” investe ogni campo e ogni momento del nostro vivere. Rispetto per se stessi, per gli altri, per l’infanzia, per i deboli, per i bisognosi, per i diversi, per l’ambiente, per il territorio. “Rispetto” per le “Leggi garantiste”, per le “Istituzioni”, per l’ “Istruzione”, per la “Storia”, affinché il nostro Paese abbia un domani diverso in cui il presente sia soltanto un’ombra.

Anna Lanzetta,
responsabile della Sezione Didattica
Associazione Culturale Multimedia 91



In relazione: Edvard Munch (Loten, 1863-Ekely,1944), Malinconia,1892

Dal blog: annalanzetta.blogspot.com


Anna Lanzetta    
 
   28-05-2012
Ci ricorderemo tutti della reazione di molti quando Saviano parlò di mafia al Nord. Maroni addirittura contestò apertamente la mancanza di pluralismo e disse che no, Saviano aveva sbagliato. Oggi conosciamo meglio come stanno le cose ed è proprio nelle scuole che la voce della legalità deve farsi strada . E' molto importante la simulazione processuale della quale leggo. Spero apra una nuova strada di confronto tra i ragazzi che hanno bisogno di verità ed esempi. Tutti i ragazzi, tutti a cento passi da case che debbono aprirsi, accogliere, amare e resistere.
Complimenti di cuore a tutti.
patrizia garofalo   
 
| 1 |
Lascia un commento
STRUMENTI
Versione stampabile
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
I NOSTRI ARTICOLI
  I più letti
  I più commentati
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy