Dimissioni Marino. Il garantismo a singhiozzo del Popolo delle LibertÓ 
Fiducia e stima per il ruolo di presidente della Commissione d'inchiesta sul SSN
30 Luglio 2009
 

Dispiace dover registrare questa brutta caduta di stile in merito alla richiesta di dimissioni avanzata dal senatore Michele Saccomanno a nome del Popolo della Libertà nei confronti del presidente della Commissione d'inchiesta sul SSN, sen. Ignazio Marino.

Mentre non possiamo far altro che rinnovare tutta la fiducia e la stima nei confronti del senatore Marino e del ruolo di garanzia fin qui svolto nel dirigere la delicata commissione d'inchiesta, dispiace vedere come le campagne stampa denigratorie e giustizialiste diventino oggetto di dibattito parlamentare.

Il garantismo a singhiozzo, in funzione solo quando c'è la propria parte coinvolta, è quanto di più squallido si possa immaginare...

La campagna de Il Foglio, dell'ateo devoto Giuliano Ferrara contro il cattolico laico Ignazio Marino, evidentemente organizzata e diretta con l'obbiettivo di infangare chi ha deciso di investire nella laicità, segna un passaggio istituzionale che ci auguriamo finisca ancor prima di cominciare.


Donatella Poretti


TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276