OblÚ Mitteleuropa
I miracoli non esistono. La leggenda del santo bevitore interpretata da Piero Mazzarella
Joseph Roth (1894-1938)
Joseph Roth (1894-1938) 
20 Marzo 2007
 

In conformità con una ricerca che la vede particolarmente attenta alla produzione di scrittori ebrei, Andrée Ruth Shammah porta in scena il racconto di Joseph Roth (1894-1938) La leggenda del santo bevitore, nota al pubblico italiano anche grazie alla riduzione cinematografica che ne propose Ermanno Olmi nel 1988.

A reggere il lungo monologo in cui il racconto è trasformato nella versione teatrale, è chiamato Piero Mazzarella, attore che da oltre sessant’anni calca con successo le nostre scene e che è in certo stesso egli stesso una leggenda. Ma non è la sua corpulenza, sottolineata dal lungo pastrano straccio e liso che ne rende goffi i movimenti, la causa della sua recitazione affaticata e roca. No, questo modo di porgere il testo è voluto, teso a sottolineare la fatica di vivere del clochard protagonista e del suo ideatore, come lui sempre in preda ai fumi dell’alcool, come lui dedito a un lento quanto inesorabile processo di autodistruzione. Roth, dopo una vita che da Brody, la cittadina orientale dell’Impero asburgico in cui era nato, si era trasferito prima a Vienna e poi a Berlino, per andare a concludere infine la propria vita raminga – “un’esistenza da hotel” la definiva lui stesso – a Parigi, vittima di qual cognac cui aveva delegato il compito di azzerare la sua disperazione.

Andreas, il protagonista del racconto-copione, vive un ultimo momento di speranza e di attesa di un’epifania risolutiva quando uno sconosciuto gli regala un bel gruzzolo, che il beone, persona sostanzialmente onesta pur nella sua fragilità, promette di restituire appena possibile. In un altalenante susseguirsi di momenti di iella e di fortuna, il disgraziato sembra per un momento ritrovare la forza di credere nel miracolo e in una bontà ultraterrena, salvo poi accasciarsi sul bancone del bar senza essere riuscito a pagare il suo debito.

Nella recitazione di Piero Mazzarella, interrotta solo a tratti da una voce recitante femminile, da brevi stacchi musicali e da una voce fuori campo che riprende brani critici su Roth, attore, autore e narratore della vicenda si confondono di continuo, trasformandosi in un’unica figura che illustra una storia marginale, in apparenza semplice, che in realtà nasconde significati molteplici e complessi.

 

Gabriella Rovagnati

 

 

Milano - Teatro Franco Parenti

Sede Temporanea di via Cadolini (Sala Pirelli)

Dall’8 marzo al 1 aprile 2007

Feriali ore 21:00 – Festivi ore 16:30

 

Piero Mazzarella

in

La leggenda del santo bevitore

di Joseph Roth

regia di Andrée Ruth Shammah

spazio scenico ideato da Gianmaurizio Fercioni

con suggestioni visive di Stalker

 e con

Linda Gennari e Giovanni Lucini


TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276