Diario di bordo
Martina Scaccabarozzi. +Europa riuscirÓ a federare i federalisti?
19 Marzo 2018
 

Quando decisi di candidarmi in +Europa non ero completamente a conoscenza del progetto; avevo apprezzato il coraggio del nome innanzitutto, mentre cresceva l'euroscetticismo di destra e anche di sinistra. Ho poi incontrato i suoi protagonisti: i Radicali, che ci ospitavano nella loro sede milanese, aperti ed accoglienti, ed i “registi” del progetto, coloro che coordinavano il gruppo che si era formato, gli efficienti e brillanti ragazzi di Forza Europa. Ho pensato subito ad un mix interessante, che funzionava e mi piaceva. Mancava un po' del mio “mondo” politico di provenienza, questo è vero... poi è arrivato Tabacci e per me, a quel punto, il disegno era completo. Su tutto infine l'unica scelta elettorale che aveva e ha un senso: l'alleanza con il PD.

Oggi, a distanza di poche settimane dalle elezioni, apprendo notizie e leggo cose che mi spiazzano un po'.

+Europa è un progetto a breve scadenza? Le sue sorti in mano a 3 partiti/associazioni che ne possono decretare la fine, dimostrando pochissimo rispetto per gli elettori ma anche per i candidati?

+Europa che ora, pur non avendo ottenuto il 3% e quindi non avendo superato la soglia che avrebbe determinato un suo peso identitario, si scandalizza se uno degli eletti si offre per un'eventuale segreteria di partito nel PD?

+Europa che non ne coglie l'immensa opportunità?

+Europa (spiace scriverlo e ancora di più costatarlo) i cui elettori hanno decretato l'irrilevanza di una delle 3 formazioni, che non ne prende atto?

Se vogliamo portare avanti le idee ed il programma di +Europa, partiamo da questi dati di fatto (bando ad altre analisi politiche sentite negli ultimi incontri) e ascoltiamo i nostri elettori: vogliono +Europa, non i Radicali, non Forza Europa e non Centro Democratico e ci vogliono alleati al PD.

Questo per me non vuol dire che le forze politiche che hanno dato vita alla lista debbano sparire come soggetti politici a sé. Si può pensare ad uno statuto federale che, come l'Europa federale che vogliamo noi di +Europa, stabilisca i limiti di “sovranità” di ciascuno, che stabilisca gli argomenti politici in comune, le alleanze ecc.

Sarebbe un bellissimo esercizio di governo e democrazia che ci renderebbe ancora più credibili nei confronti dei nostri elettori. E i candidati, con i militanti, dovrebbero essere coinvolti direttamente in questa nuova fase. Il tempo però ci è tiranno... per cui iniziamo subito.

 

Martina Scaccabarozzi

(dalla sua pagina fb, 18 marzo 2018)

 

 

Nella foto allegata, ritaglio Corriere della Sera di oggi:
nota dal Comitato nazionale di
Radicali italiani
tenutosi nel fine settimana


TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276