OblÚ mediorientale
Asmae Dachan. Io, siriana di Aleppo, vi racconto la nostra guerra
21 Gennaio 2017
 

Forse è presto per me per parlare di un testamento morale e professionale, ma l'articolo/confessione pubblicato su The Post Internazionale in parte lo è. In queste righe mi racconto, da siriana, da aleppina che è al tempo stesso cronista della tragedia del suo popolo.

È passato circa un mese dall’evacuazione di Aleppo, da quei giorni terribili che hanno consegnato alla storia l’ennesimo genocidio consumato nell’indifferenza. Ora è arrivato il momento di ricominciare a scrivere, di raccontare cosa è successo dopo. Dove sono finiti i civili deportati, quali prospettive li attendono, se esiste, per loro un futuro. Aleppo, ma anche tutto il resto della Siria, a partire dalla tragica situazione a Wadi Barada, pesantemente presa di mira dai bombardamenti del regime e dalle incursioni di Hezbollah, per passare a Idlib, città sotto il controllo degli insorti, dove si sono tenute le prime elezioni libere, nonostante i bombardamenti incessanti.

 

Asmae Dachan

(da Diario di Siria, 18 gennaio 2017)

 

 

»» Vai alla testimonianza di Asmae Dachan
per
The Post Internazionale


TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276