OblÚ mediorientale
Asmae Dachan. Siria, medici nel mirino e interventi underground 
Su You Tube un video diffuso dalla BBC
16 Aprile 2016
 

Sulle pagine internet che raccontano il dramma della Siria è stata diffusa la foto a lutto di Hasan Al Araj, medico originario di Kafar Zeita, in provincia di Hama. Camice bianco, con lo stetoscopio appeso al collo e la mascherina abbassata, la foto è stata condivisa da attivisti per i diritti umani e da associazioni di medici che si battono per la salvezza dei colleghi in Siria, come il Sams, Syrian American Medical Society.

Hasan è rimasto ucciso mentre era in auto, ma non è stato ancora accertato se a colpire la vettura sia stata l’aviazione russa o governativa. Era l’ultimo cardiologo sopravvissuto nella città di Hama e operava al Maghara Central Hospital. Viene definito un leader della società civile per il suo impegno in favore dei suoi concittadini e per aver organizzato le attività del piccolo ospedale, che per mesi ha garantito assistenza anche a migliaia di sfollati. Insieme al suo staff ha prestato soccorso alle vittime degli attacchi con armi chimiche.

Sono oltre 600, secondo il Syrian Network for Human Rights, i medici rimasti uccisi in Siria negli ultimi cinque anni; 553 sono stati uccisi dalle Forze governative e 19 dall’Isis. Molti ospedali sono stati distrutti dai bombardamenti e le condizioni in cui operano chirurghi e infermieri sono assolutamente precarie.

Ad Aleppo, ad esempio, anche ieri è stato aperto il fuoco contro un’ambulanza che correva in soccorso di civili feriti a seguito di un bombardamento. Alcuni medici hanno raccontato in un video, diffuso anche dalla BBC, che sono costretti a operare sottoterra, in ambienti non favorevoli e con la continua minaccia dei bombardamenti, nonostante il cessate il fuoco.

 

Asmae Dachan

(da Diario di Siria, 15 aprile 2016)


TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276