Diario di bordo
Giuseppe Civati. Vi prego: gli asili nido, non gli 80 euro 
( meglio, meglissimo)
Matteo Renzi nel nuovo asilo nido della Provincia (Firenze, 2008)
Matteo Renzi nel nuovo asilo nido della Provincia (Firenze, 2008) 
20 Ottobre 2014
   

Lo diceva anche il premier attualmente in carica che avrebbe fatto gli asili, come nella sua città.

Perché spendere 80 euro per tre anni (pare che il conto ci porti a impegnare risorse tra il miliardo e mezzo e i due: desumiamo i dati dalle trasmissioni tv) quando quelle risorse ingenti potrebbero essere investite per aprire asili nido?

A parte il maschilismo certamente involontario (“per le mamme”, che così se ne stanno ancora un po’ a casa) e il messaggio sicuramente forte sotto il profilo del marketing elettorale spintissimo a cui siamo quotidianamente esposti, mi pare una mossa molto sbagliata.

Sulle bambine e i bambini non voglio certo fare polemica, ma come sanno tutti (soprattutto gli esperti), l’investimento in asili nido è quello più redditizio per la società: da tutti i punti di vista. Perché dà lavoro di qualità, perché riduce le disuguaglianze, perché estende un servizio che ora manca.

Non dico che sia la “spesa pubblica perfetta”, ma si avvicina molto all’idea.

Se quelle risorse ci sono e hanno copertura (la qual cosa non era prevista nemmeno nelle slide di pochissimi giorni fa), si usino bene. Altrimenti, pensando ai nostri figli, commetteremmo un errore proprio nei loro confronti.

 

Giuseppe Civati

(dal blog [ciwati], 20 ottobre 2014)


TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276