Diario di bordo
Peppe Sini. Finisca la cecitÓ, si salvino le vite
04 Ottobre 2013
 

Come si fa a non vedere che prime responsabili del massacro dei migranti nel Mediterraneo sono le disumane politiche e le disumane normative razziste dell'Europa e dell'Italia?

Come si fa a non vedere che la vigente normativa europea ed italiana istituisce un vero e proprio regime di omicida apartheid planetario in danno della generalità dell'umanità?

Come si fa a non vedere che sono le nostre mani ad essere di quel sangue innocente macchiate?

Questa cecità, questa violenza assassina, questo razzismo istituzionale, non ci verranno perdonati dalle generazioni che verranno. Chiederanno di noi, come noi chiediamo dei complici del nazismo: come facevano a non vedere? come potevano essere complici, anche solo con la loro passività, di tanta vergogna e di tanto orrore?

***

C'è un modo semplice e definitivo per far cessare le stragi nel Mediterraneo: consentire finalmente a tutti gli esseri umani la libera circolazione sull'unico pianeta casa comune dell'umanità intera.

Consentire ai migranti di muoversi in modo legale e sicuro.

Dare attuazione al primo diritto umano che tutti gli altri fonda: il diritto a vivere.

Prendere sul serio la Costituzione della Repubblica Italiana che all'articolo 10, comma terzo, afferma che «Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l'effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d'asilo nel territorio della Repubblica».

Consentendo finalmente a tutti gli esseri umani la libera circolazione sull'unico pianeta casa comune dell'umanità intera, consentendo a tutti i migranti di muoversi in modo legale e sicuro, non solo si salverebbero innumerevoli vite, non solo si ripristinerebbe la vigenza del diritto, ma si annienterebbero anche in un sol colpo le mafie dei trafficanti e degli schiavisti.

***

Abolire gli accordi assassini di Schengen.

Abolire le misure persecutrici e razziste già presenti nella legge Turco-Napolitano, poi aggravate nella infame antilegge Bossi-Fini, poi vieppiù aggravate nel cosiddetto “pacchetto sicurezza” hitleriano.

Abolire il nazismo in Italia e in Europa.

Riconoscere la dignità e i diritti di tutti gli esseri umani.

Riconoscere a tutti gli esseri umani il diritto di libera circolazione sull'unico pianeta casa comune dell'umanità intera.

Salvare le vite.

Vi è una sola umanità.

 

Peppe Sini

(da Ogni vittima ha il volto di Abele, 4 ottobre 2013)


TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276