Diario di bordo
Stefano Santarossa. Referendum radicali: Casson favorevole alla responsabilitÓ civile dei magistrati
29 Luglio 2013
   

Sabato mattina, Felice Casson, senatore del PD, vicepresidente della Commissione Giustizia, presente a Pordenone al Convegno sulla giustizia moderato dall’avv. Fusto Tomasello, ha risposto alla mia domanda in merito alla campagna sull’amnistia e la giustizia e sui dodici referendum radicali.

Sui referendum il senatore Casson si è detto favorevole quasi su tutti, in particolare sui quesiti sulla responsabilità civile dei magistrati e sul rientro dei magistrati fuori ruolo. Sulla responsabilità civile ha ricordato che già i cittadini si erano espressi chiaramente (dopo il referendum Tortora) ma la legge conseguente invece ha vanificato l’effetto del referendum, tanto che, a suo dire, da giudice non ha ritenuto necessario assicurarsi nell’esercizio delle funzioni tenuto conto dell’inapplicabilità della norma attuale.

Sul rientro dei magistrati fuori ruolo si è detto assolutamente favorevole stigmatizzando il caso del ministro Cancellieri che ha assunto due magistrati già fuori ruolo da dieci anni ottenendo una deroga dl CSM per poterli trattenere. Si è detto favorevole all’utilizzo dello strumento referendario.

Sull’amnistia Casson ritiene che tale misura debba avvenire come atto finale del processo di riforme anche se ritiene impossibile trovare convergenze con il Pdl sulle riforme necessarie del sistema giudiziario.

 

Stefano Santarossa, presidente di Radicali Friulani

(referendumgiustiziagiusta.it)


TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276