Diario di bordo
Primo Mastrantoni. Berlusconi e le tasse ridotte 
Aveva giÓ sottoscritto un contratto con gli italiani nel 2001!
09 Gennaio 2010
   

Ridurre le tasse, con due sole aliquote al 23 e al 33%? Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, lo aveva “immaginato” nel 1994; nel frattempo sono passati 16 anni. Lo aveva ripetuto, in occasione della campagna per le elezioni politiche del 2001, sottoscrivendo, nel corso della trasmissione televisiva “Porta a Porta” (Rai), un “contratto con gli italiani”, formalizzato dalla presenza di un notaio. È bene ricordare che il sogno del '94 non fu realizzato e il contratto del 2001 non fu rispettato, nonostante la lunga permanenza del governo Berlusconi, ben cinque anni, il più duraturo nella storia della Repubblica italiana e con una maggioranza parlamentare mai vista prima.

Ora il presidente Berlusconi sogna una riforma tributaria riproponendo le due aliquote fiscali. Ci dobbiamo credere o è l'ennesima presa in giro in vista delle prossime elezioni regionali? Un governo non sogna, fa.


Primo Mastrantoni, segretario Aduc


TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - R.O.C. N. 7205 I. 5510 - ISSN 1124-1276