Venerdì , 19 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Al Teatro Valle “Pensaci Giacomino!” nell’amara riflessione pirandelliana
19 Aprile 2008
 

Il Teatro Stabile di Sardegna è in scena fino al 27 aprile al “Valle” di Roma con Pensaci Giacomino! di Luigi Pirandello. Dopo un mirabile Goldoni ed al terzo incontro col drammaturgo di Girgenti, Stefano Randisi ed Enzo Vetrano, la coppia di teatranti siciliani, ormai rodata da 31 anni di lavoro, sfida uno dei testi più attuali e commoventi del grande conterraneo, firmando una regia a quattro mani che non si sottrae tuttavia all’interpretazione di protagonisti inquieti e mutevoli.

Il sipario si apre su una scena semplice e scura per mettere in evidenza le sagome dei personaggi: i due protagonisti emergono così dalle atmosfere ambigue ed equivoche di Luigi Pirandello, pronti a mettere in discussione quell’intricato mondo di passioni e doveri, di sostanza ed apparenza, che è la famiglia “allargata” nella pièce.

Il primo ritaglia su di sé la figura del prete viscido ed ambiguo mentre il secondo si misura direttamente col professor Toti, sottolineando quelle caratteristiche estreme di cinismo ed egoismo che rendono l’interpretazione a tratti atipicamente amara.

Il recupero del dialetto poi, quello della versione di Angelo Musco, utilizzato solo in alcuni passaggi a sottolineare la particolare durezza del messaggio, rende naturale la scarnificazione e rielaborazione del linguaggio stesso adatto così ad intrecciarsi al gusto del paradosso comico e scandaloso.

Va ricordato a proposito che Pensaci Giacomino!, uno dei primissimi lavori teatrali di Luigi Pirandello, scritto nel 1916 per Angelo Musco, appartiene al ciclo dialettale come Liolà. Mentre quest’ultimo fu scritto in dialetto e poi tradotto in lingua, per Pensaci Giacomino! il processo fu inverso. D’altra parte Pirandello avrebbe ben potuto scrivere in dialetto tutte le sue commedie, senza che nessuno potesse definirlo autore dialettale, poiché tale non è mai stato.

Il problema non è quindi il passaggio dal teatro dialettale e di regione a quello in lingua e universale, ma piuttosto dal naturalismo e romanticismo ancora assai vivi ed operanti in Pensaci Giacomino! all’espressionismo dei drammi maturi. È quindi proprio Pirandello che si tormentava per uscire dal guscio che ricopriva la maggior parte dei suoi romanzi e novelle.

Il personaggio principale della storia che si racconta, il professor Agostino Toti, a guardar bene è lo stesso autore che cerca di uscire all’aria aperta, mostrando la sua parte personale ed autobiografica.

Nello svolgersi della vicenda, è il marito che persuade l’amante della moglie a tornare da lei, in una inversione di morale che ha come origine la logica e il cervello. Non ci si può opporre, secondo Pirandello, al ragionamento inesorabile e irresistibile del vecchio professore, che è persuaso di essere nel giusto a riportarsi a casa Giacomino. Sentendosi chiamare ‘demonio’ dai filistei è, al contrario, convinto che il demonio stia a lato di questi ultimi.

Da parte sua il pubblico è portato a credere all’innocenza disarmata del protagonista, ma le sue sfuriate dialettiche, i suoi guizzi verbali e i suoi gridi, mettono in risalto la provincia dura e spostata, le corna accettate e sopportate non proprio candidamente dal poveruomo, grazie ad un’energia e ad una perfino guizzante demoniaca allegria.

 

Commedia umoristica e morale quindi che l’autore intrise di grottesca ironia, e che la regia intende quale continua ricerca di scenari ulteriormente bizzarri, insistendo sul personaggio di Toti, l’anziano professore anticonformista, al quale è affidato un messaggio tanto profondo da renderlo una delle figure meglio riuscite del repertorio pirandelliano.

Il suo matrimonio con la giovanissima Lillina, figlia del bidello della scuola e messa incinta da un suo ex alunno, Giacomino Delisi, diventa per il professore lo strumento di una battaglia morale contro l’ipocrisia del mondo. La “famiglia aperta” che il professore crea, protegge e difende, incurante delle voci della gente, rimanda a un’etica concreta, emotiva, che fa corto circuito, tuttavia, con le consuetudini vigliacche di una società votata all’esteriorità e alla convenzione.

 

Nella messa in scena del Teatro Stabile di Sardegna si evidenzia altresì una sfida etica che sembra voler affrontare l’ipocrisia del mondo senza la maschera del ruolo sociale ma che, fatalmente, rimane ancorata a definizioni e compromessi intrappolati a certi meccanismi claustrofobici altrimenti da combattere.

Con questo testo, in grado di fluttuare oltretutto dalla tragedia cupa alla commedia irriverente, è possibile innescare una riflessione sul valore della famiglia: un rimando forte all’attualità sintetizzato in un finale che sembra rimanere sospeso ma solo tra una dimensione di astratta lettura antropologica e l’affresco ampio del dato umano più profondo.

 

Con Enzo Vetrano e Stefano Randisi, ben centrati nei loro ruoli, recitano: Giuliano Brunazzi, Ester Cucinotti, Eleonora Giua, Giovanni Moschella, Francesco Pennacchia, Antonio Lo Presti, Margherita Smedile. Dopo Roma la Compagnia proseguirà la sua intensa tournée per i maggiori teatri italiani.

 

Teatro: Valle

Città: Roma

Titolo: Pensaci, Giacomino!

Autore: Luigi Pirandello

Regia: Enzo Vetrano, Stefano Randisi

Interpreti: Enzo Vetrano, Stefano Randisi, Giuliano Brunazzi, Ester Cucinotti, Eleonora Giua, Giovanni Moschella, Francesco Pennacchia, Antonio Lo Presti, Margherita Smedile

Luci: Maurizio Viani

Scenografia: Marc’Antonio Brandolini

Costumi: Luciana Fornasari

Fonico: Luca Tognacci

Assistente alla regia: Beatrice Santini

Produzione: Teatro Stabile di Sardegna / Diablogues / Teatro Comunale di Imola

Periodo: fino al 27 aprile

 

Lucio De Angelis

(da Notizie radicali, 18 aprile 2008)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.6%
NO
 35.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy