Domenica , 14 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Spettacolo > Notizie e commenti
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Le libellule di Srebrenica: Acquanegra sul Chiese nel segno della pace 
Domenica 3 novembre, poesia e spettacolo di danze popolari balcaniche
01 Novembre 2013
 

Ne morirono ufficialmente 8.372. Ma si parla di oltre 10mila. Persone, esseri umani, adolescenti e uomini maturi, separati da madri, sorelle, mogli, figlie. Divisi dalle famiglie, deportati, vigliaccamente ammazzati e gettati, senza nome, nelle fosse comuni. Vittime di una violenza cieca, di una crudeltà senza pari, dell'abietto e orribile concetto della pulizia etnica. Erano, quegli sventurati, di Srebrenica: musulmani bosniaci. I carnefici furono gruppi paramilitari e le soldataglie serbo-bosniache di Ratko Mladić. Era il luglio 1995, a completamento della piena dissoluzione di quella che era stata la Jugoslavia. I caschi blu dell'ONU, che pure erano presenti, non intervennero: altro mistero, altra ferita all'umanità. Un buco nero per quel che concerne la civiltà. Fu un crimine di guerra, un vero genocidio, una strage di massa contro popolazione civile e inerme. Un episodio vergognoso. Che non si può dimenticare.

Lunedì 4 novembre, l'anniversario della fine della Prima Guerra Mondiale. Un altro immane bagno di sangue – 9 milioni di militari cancellati dalla faccia della Terra insieme con 7 milioni di civili, oltre agli invalidi e ai mutilati creati dall'irrazionale tragedia storica –, originato, come casus belli, proprio a Sarajevo, in Bosnia, dall'assassinio, il 28 giugno 1914, dell'Arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono asburgico.

È così che nel Comune di Acquanegra sul Chiese (Mn) si è deciso di dedicare domenica 3 novembre ai caduti di tutte le guerre. E la giornata si concluderà, alle ore 21, al Teatro Comunale (via Canneti 49) con uno spettacolo di danze popolari balcaniche, proposto dal gruppo di Asola Semplicemente danzando per Civico 40, associazione culturale e sotto l'egida del Comune, inframmezzate dalla lettura di poesie dei Paesi che fanno parte di questa imponente area geografia, crocevia di culture e passioni. Nel segno del ricordo, nel nome degli scomparsi di Srebrenica e in quello di tutte le inutili morti per guerra. Nel segno della pace.

 

Alberto Figliolia

 

 

Le libellule di Srebrenica

 

Volano ancora

sulle tombe

con nome o senza nome

di Srebrenica

libellule

lucciole

farfalle...

 

ali di una musica

silenziosa

colorata

adorante

gioiosa

giocosa

mistica

 

all'ombra delle piante

fra i mesti pianti di

madri

sorelle

figlie

 

Alberto Figliolia


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy