Sabato , 13 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Telluserra
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Forin: Rosa (mistica)
25 Aprile 2008
 

Ho messo tra parentesi l’aggettivo ‘mistica’ -per rosa mistica- sia perché faccio valere il dettame laico di mettere tra parentesi la propria religiosità (e qui scherzo con rispetto verso i laicisti) sia perché pongo in risalto la diversità di significato (Bernardo di Chartres docet, come vedremo) della parola latina (completo in rosa con le due parole rosa mystica) da quella italiana rosa (oggi ‘mistica’ solo in Chiesa).

Sono all’anno nove della mia ricerca di AN TAR ES, ‘unione e separazione del Cielo e della Terra’, reduce dal convegno nazionale Antares, alle origini perdute della cultura occidentale.

Mi sono chiesto più e più volte in questi anni come avrei potuto mai dimostrare l’avvenuta fusione della lingua sumera con quella accada e come avrei potuto infine convincere che il sumero-accado -e non l’indoeuropeo- furono matrici del latino.

In altre parole: come avrei potuto mostrare ‘le origini perdute della cultura occidentale’.

Non sospettavo una riuscita così clamorosa!

Che ‘il nome della rosa’ potesse essere un E NIG MAH, una casa delle troppe cose, l’ha intuito Umberto Eco, narratore medievalista esperto in semeiotica -la disciplina che pesa il significato dei segni e delle parole-: la rosa del Paradiso di Dante, i Rosacroce, la guerra delle due rose, la rosa nera, la rosa d’oro, la rosa dei venti, la rosa dei candidati, la rosa degli eletti, la rosa fresca aulentissima di Ciullo d’Alcamo etc.

Che un cespuglio di rose potesse restituire la forma umana a Lucio ha posto ad un mio amico latinista la domanda: -ma perchè mai di rose?-.

Una domanda che altri latinisti devono essersi posti se hanno risposto: la rosa è il simbolo di Iside!

Non il sema, il significato della parola, capite? –poveri-, ma il simbolo.

E fu RU SHA, ‘sacro utero’ in sumero-accado!

Vedete, ho sempre considerato i nomi degli Dèi come i fili dell’alta tensione, da toccare con tutte le precauzioni. Adesso, temo il cortocircuito di fronte ad una evidenza così clamorosa: la rosa mistica è ‘utero sacro’ e tutto viene espresso dalla sola parola latina rosa!

Svelato l’enigma!

Ma, che io abbia messo le mani dove non dovevo? Che il vaso di Pandora della mia religiosità sia uscito dalla parentesi e si sia scoperchiato erompendo in connessioni invalide?

Eppure Giunone aveva le sue armi, il suo carro a Samo ß SHA MU, utero del nome immortale.

Eppure Mosè fa in arabo Musa, che è ancora MU SHA ‘nome immortale utero’.

Ed il sumero-accado spiegano sia il primo che il secondo nome.

Gli studi di Semerano hanno portato il Maestro quasi in Palestina, come Mosè, con la linguistica storica e l’accado.

Vi sarebbe entrato concentrandosi sui nomi degli Dèi e non sulle parole comuni, troppo caduche!

L’archeologia del linguaggio vede –come abbiamo scritto l’anno scorso- i RA SH NA, gli Etruschi, devoti al massimo dio Saturno: AN SH AR, Cielo Luna Sole è il suo sinonimo: la corrispondenza biunivoca è splendente, non dà spazio ad equivoci!

E lui , descrivendo il vaso di Tragliatella l’aveva quasi colto [Le origini: 893]! Avrebbe individuato Virgilio:

 

Salve, grande genitrice di messi, terra Saturnia,

                                               Georgiche, II  173

 

 

Il sacerdote giudice, Maru à Maro, Virgilio, ‘il più grande genio letterario della nostra madre-terra saluta l’Italia -terra Saturnia- e ci porge il nome della rosa come amor sacro:

 

-Turno, per queste mie lagrime, per il nome di Amata,

se t’importa -tu, ormai unica speranza e ristoro

alla mia sventurata vecchiaia; l’onore e la potenza di Latino

dipendono da te, su di te poggia la casa cadente-,

questo soltanto ti chiedo: desisti dal combattere con i Teucri.

Qualunque destino ti attende nel duello, attende

anche me, o Turno; lascerò con te l’odiosa luce,

e non vedrò, prigioniera, Enea diventarmi genero-.

Lavinia accolse il discorso della madre con lagrime

sparse sulle gote accese, e un intenso rossore

le aggiunse fuoco e corse sul viso bruciante.

Come se alcuno macchiasse avorio indiano con porpora

sanguigna, o come quando candidi gigli rosseggiano, mischiati

a molte rose [multa alba rosa]: tali colori la fanciulla rendeva dal volto.

                                                           Eneide, XII, 56-69

 

La principessa etrusca Lavinia ha nel volto il rosa [unica citazione dell’Eneide], l’amore sacro che turba il principe etrusco Turno, che nel nome evoca SHA-turno, utero di Turno.

Un amor sacro che viene dalla Saturnia Uni, Giunone, e si contrappone a quello indeizzato, imposto dalla dea Venere, in Didone, che finisce abbandonata e suicida.

Tornando a Bernardo di Chartres, iniziatore della scuola di Chartres, l’insegnante di Bernardo di Chiaravalle deve aver affrontato con lui l’argomento ‘la traduzione francese della parola latina rosa in rose non è completa perché l’asterismo latino –ovvero l’insieme dei collegamenti con tutte le altre parole latine- è diverso dall’asterismo francese.

Purtroppo non ci ha lasciato un solo scritto e Bernardo di Clairvaux non ci lascia note scientifiche, da mistico.

Agli esperti dantisti chiedo se Dante abbia potuto acquisire dal mistico l’immagine del Paradiso come un’immensa rosa con la rosa mystica al centro oppure se la sua conoscenza del latino, più prossima al parlato di quella nostra, abbia rinforzato l’approccio all’asterismo linguistico latino rosa del mistico.

Ai linguisti chiedo: come può essere negata la relazione RU SHA, sacro utero, à rosa (mystica)?

 

Carlo Forin


Articoli correlati

  Carlo Forin: A cena con Dio
  Carlo Forin: Che cosa nasce a Natale 2008 ?
  Carlo Forin: Caro Mutui. Tellusfolio raccolga testimonianze e proteste!
  Carlo Forin. Il doppio circolo della Resistenza
  Carlo Forin, Sei forse sorella di Febo?
  Carlo Forin: Coito
  Carlo Forin, Semerano. Archeologia linguistica.
  Carlo Forin. La favola dell’indoeuropeo
  Carlo Forin: Aprire al ME
  Carlo Forin: Dimensione della parola ‘dimensione’. Archeologia del linguaggio
  Carlo Forin: Halloween - Antares
  Carlo Forin: Il Gran Giocattolaio
  Carlo Forin. La Corte dei Conti boccia il Governo
  Carlo Forin: Gli albori di Milano
  Carlo Forin. Che nessun Duce di ritorno tocchi la Costituzione!
  Carlo Forin: Belem, notte di Natale
  Carlo Forin. Alitalia o non Alitalia? Con Richard Gere di Pretty Woman come esempio
  Rappresentazione falsa del mondo: Ideologia.
  Carlo Forin. Seconda dose oggi a Vidor di Treviso
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (3)
  Carlo Forin: Quoad, fino a quando, la libertà sarà in pericolo? (Lodo Alfano bocciato).
  Carlo Forin: Lettera a Prodi sui punti di Lamberto Dini
  Carlo Forin: Un 2010 sgannato
  Carlo Forin. Provvidenziale 8 settembre
  Carlo Forin. La vita è proprio bella!
  Carlo Forin: Tutto quello che ci dice "Gallare". Vulva. Dal sumero. Omaggio alla sumerica Paola Senatore.
  Carlo Forin. Il periodo del lustro
  Carlo Forin. La trasformazione ecologica
  Carlo Forin. 25 aprile 2021 < 25 aprile 1945
  Carlo Forin: Antares.
  Carlo Forin: Calamaro.
  Carlo Forin: A Zeneda c’è stata una festa. La Rosa.
  Carlo Forin: Storia del ME con lettera a Claudio Di Scalzo detto Accio
  Carlo Forin: Autobiografia come giocattolaio piccino
  Carlo Forin: Viaggiare nel pensiero nel tempo. Con sito turco
  Carlo Forin: La struttura del doppio circolo del Cielo e della Terra nella Bibbia (1)
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario: 19 ottobre (1)
  Carlo Forin: Chi impersòno io?
  Carlo Forin: Diario del 24 e 25 dicembre 2008
  Carlo Forin: Gnosis.
  A Gino (dal primo figlio) 
  Carlo Forin: Vogliamo confrontarci con gli altri del Terzo Mondo signora Emma Marcegaglia?
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (5) Ultima parte col sorriso.
  Carlo Forin: Anche Gesù era abbronzato come Obama
  Carlo Forin: Riflessioni su me, Me, ME.
  Carlo Forin. San Francesco 2021
  Carlo Forin: La lingua è un fiume sporco
  Carlo Forin, Saturnia Tellus.
  Carl Forin: "Onesimo" con allegata storia di collaborazione e amicizia
  Carlo Forin: Alla Rosa nel fango.
  Carlo Forin: Il mediarca Berlusconi non è un capitalista come tanti al mondo
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Ideologia
  Carlo Forin: Noi, Italiane ed Italiani, maschi della màntide religiosa
  Carlo Forin. Circoncisione
  Carlo Forin: Risposta a Bruna Spagnuolo e sugli alati
  Carlo Forin: Nel Mondo glocale narrando con l’amiloidosi mia compagna
  Carlo Forin. Distanziamento
  Carlo Forin, Veneris... nefandae.
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (4)
  Carlo Forin. Covid 19 virus intelligente
  Carlo Forin: La mia lettura di Bernart de Ventadorn in "Canzone di Primavera"
  Carlo Forin: RAGA'R, tagliare. Catullo e Piccoli (2)
  Carlo Forin: Il trasmutatore della merda in violetta Carlo Costantini. Risposta dell'Onorevole
  Racconto di un vecchietto del ’68.
  Carlo Forin: Carme sul cambio di Archetipo (1)
  Carlo Forin: Ricordando Wojtyla e la mia conversione
  Carlo Forin: Sessanta: un numero che falsifica l’indoeuropeismo
  Carlo Forin: Il fiume della lingua scorra. Auguri per il 2009
  Carlo Forin. Analisi dei 38 ‘lustr’ dell’Eneide. L’ultimo: perlustra.
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Amore. Con postilla necessaria.
  Carlo Forin: Rosa
  Carlo Forin, Cerei regni.
  Piero Cappelli: D’Alema e Veltroni battuti a Firenze. È l’inizio di una nuova politica?
  Carlo Forin: Amen.
  La lingua fu dingua in Tellusfolio
  Carlo Forin
  Carlo Forin: Meo. Vita-Morte. Archeologia linguistica
  Bruna Spagnuolo: Carlo Forin e la stirpe degli uomini alati
  Carlo Forin: Recuperar la pausa per tornar cittadini. Primarie e PD
  Carlo Forin: Giobbe 2008. Diario della malattia (2)
  Carlo Forin, dizionario delle parole basilari: Rosa
  Carlo Forin, Dio Sovrano. Con lettera antiaccademica.
  Carlo Forin: Vittorio Veneto e coriandoli
  Carlo Forin: Tempi da lupi mannari per la Costituzione italiana
  Carlo Forin, Dizionario delle parole basilari: Archetipo
  Carlo Forin, Proteo e Cerere corrotta.
  Carlo Forin: Italia: al 55° posto in Diritto! Bigliettino per il ministro Alfano
  Carlo Forin: Ricordare Srebrenitza. Sito e fotoalbum 9
  Carlo Forin: la luce che viene
  Carlo Forin. Ordine di farfalla
  Carlo Forin: Maroni contro l’Europa e contro i pellegrini.
  Carlo Forin. La chiave sumera dei nomi degli Dei
  Carlo Forin: Il pinguino Mattia Ze
  Carlo Forin: Lettera a SS. Benedetto XVI
  Carlo Forin: Amore e Psiche. Archeologia linguistica 1.
  Carlo Forin: Confesso oggi la mia fedeltà alla tradizione cristiana
  Carlo Forin. Mario Draghi, dieci anni dopo
  Carlo Forin. San Francesco
 
 
Immagini correlate

 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy